Domenica 14 Agosto 2022 | 01:34

In Puglia e Basilicata

L'Idv: ministro Fitto fatti processare

L'Idv: ministro Fitto fatti processare
Una quindicina di aderenti all'Idv ha manifestato stamattina davanti al tribunale di via Nazariantz a Bari per sottolineare che “la giustizia deve essere uguale per tutti”. Sono stati apposti cartelli con la faccia del ministro per gli Affari regionali, Raffaele Fitto, che è imputato a Bari in due procedimenti, con la scritta 'Fitto fatti processarè. “Noi chiediamo a Fitto – ha detto l’on.Pierfelice Zazzera – di farsi processare come un normale cittadino: non si difenda dai processi in Parlamento ma nelle aule di giustizia e di dimostri lì di essere innocente”.
• «Le galere pugliesi sono inumane» scioperano i penalisti di Bari

27 Novembre 2009

BARI - Una quindicina di aderenti all'Idv ha manifestato stamattina davanti al tribunale di via Nazariantz a Bari per sottolineare che “la giustizia deve essere uguale per tutti”. Sono stati apposti cartelli con la faccia del ministro per gli Affari regionali, Raffaele Fitto, che è imputato a Bari in due procedimenti, con la scritta 'Fitto fatti processarè. 
“Noi chiediamo a Fitto – ha detto l’on.Pierfelice Zazzera – di farsi processare come un normale cittadino: non si difenda dai processi in Parlamento ma nelle aule di giustizia e di dimostri lì di essere innocente”. 

Cosa vi fa pensare che non si voglia far processare poichè è già a processo a Bari nel dibattimento per il crac Cedis e all’udienza preliminare per le Rsa di Giampaolo Angelucci?, gli è stato chiesto. “Non mi risulta – ha risposto Zazzera – che Fitto abbia rinunciato all’immunità parlamentare (che non esiste per i processi ma solo per l’arresto, ndr) non solo nella vicenda Cedis ma anche nella vicenda delle Rsa di Angelucci per la quale il Parlamento (nel luglio del 2006, ndr) non autorizzò l’arresto di Fitto”, peraltro già revocato dal gip di Bari. 

“Fitto – ha sottolineato Zazzera – è uno che è stato rinviato a giudizio per diversi procedimenti ma gode dell’immunità parlamentare e gode, come è stato dimostrato oggi, della lunghezza dei processi perchè l’udienza di oggi è stata rinviata per lo sciopero dei penalisti. Quindi, si avvicina sempre di più la prescrizione dei reati”. Zazzera ha detto che l’Idv guarda “anche alle inchieste sulla sanità per le quali siamo preoccupati da alcuni segnali che ci fanno temere che possa esserci un freno”. 
“Mi auguro – ha concluso – che i magistrati posti attorno al pm Desirè Digeronimo servano davvero ad accelerare le inchieste in corso e non a controllare ciò che Digeronimo sta facendo”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725