Mercoledì 17 Agosto 2022 | 13:32

In Puglia e Basilicata

All'Ilva di Taranto fino a 4.500 lavoratori in cigs

All'Ilva di Taranto fino a 4.500 lavoratori in cigs
L'Ilva ha fissato in 4.500 unità il tetto massimo di dipendenti che saranno collocati in cassa integrazione straordinaria a partire dal 7 dicembre prossimo per 52 settimane. L'accordo con le organizzazioni sindacali è stato firmato oggi nello stabilimento di Taranto. Nei giorni scorsi l’azienda aveva annunciato ai sindacati di voler applicare un tetto massimo di dipendenti da collocare in cigs di circa seimila unità
• CRISI/Agricoltori, anche oggi la protesta in piazza e sulle strade

26 Novembre 2009

TARANTO – L'Ilva ha fissato in 4.500 unità il tetto massimo di dipendenti che saranno collocati in cassa integrazione straordinaria a partire dal 7 dicembre prossimo per 52 settimane. L’accordo con le organizzazioni sindacali è stato firmato oggi nello stabilimento di Taranto. Il numero di dipendenti in cassa integrazione per i prossimi tre mesi sarà al massimo di 4.180 unità. 

Nell’ambito di questa intesa la direzione dell’Ilva ha confermato le agevolazioni già in atto: sostegno al reddito con garanzia di un salario minimo di mille euro netti al mese, ampio ricorso alla rotazione del personale sospeso, anticipo dell’indennità di cassa. 

Nei giorni scorsi l’azienda aveva annunciato ai sindacati un tetto massimo di dipendenti da collocare in cassa integrazione straordinaria a causa della perdurante crisi di mercato di circa seimila unità. Dopo le consultazioni con i sindacati e le rappresentanze di fabbrica il numero è stato ridotto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 

LECCE

Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725