Mercoledì 17 Agosto 2022 | 11:35

In Puglia e Basilicata

Sulla Potenza-Foggia treno superaffollato ragazza si sente male

Sulla Potenza-Foggia treno superaffollato ragazza si sente male
Il treno (unica carrozza) n. 3524 delle Ferrovie dello Stato che è partito ieri da Potenza Centrale alle 12.27 sin dalla partenza era stracolmo di passeggeri. Solo dopo le proteste e il malore di una ragazza è stato messo a disposizione un bus sostitutivo. Pare che i disagi siano stati causati prevalentemente dallo sciopero degli studenti provenienti anche dai paesi del Vulture che si sono concentrati nel capoluogo
• Ferrarese a Napolitano: «Anche in Puglia vogliamo l'alta velocità ferroviaria»   

18 Novembre 2009

POTENZA - Il treno (unica carrozza) n. 3524 delle Ferrovie dello Stato che è partito ieri da Potenza Centrale alle 12.27 sin dalla partenza era stracolmo di passeggeri. Alla stazione di Potenza superiore sono saliti ulteriori viaggiatori e alla stazione di Macchia Romana i passeggeri in attesa non sono riusciti ad entrare nella carrozza diretta a Foggia. Nell’interno, stipati come sardine in scatola, i viaggiatori hanno iniziato a protestare anche perché una ragazza è stata colta da malore per il troppo affollamento o per la situazione di enorme disagio. Soccorsa da alcuni presenti, la donna ha potuto proseguire il viaggio in condizioni normali perché il personale di bordo si è subito interessato presso la locale direzione ed è stato fatto arrivare un pullman sostitutivo che ha risolto il problema dell’affollamento. 

Pare che i disagi siano stati causati prevalentemente dallo sciopero degli studenti provenienti anche dai paesi del Vulture che si sono concentrati nel capoluogo per manifestare contro le politiche del governo in fatto di istruzione e che quindi a fine manifestazione si sono riversati nelle stazioni ferroviarie per raggiungere i paesi di residenza che si trovano sulla tratta Potenza – Foggia. Il treno, per forza maggiore, ha subito ritardo nella partenza da Macchia Romana che si è «scaricato» lungo il percorso. 

«In condizioni normali – ha detto un pendolare che lavora all’ospedale del capoluogo – questo treno è mediamente affollato da studenti e lavoratori che rientrano nei propri paesi di origine. Oggi, si poteva evitare – ha proseguito l’infermiere – perché si sapeva dello sciopero con anticipo e quindi si poteva agganciare una carrozza in più. Ci vorrebbe – ha concluso il viaggiatore – una maggiore attenzione da parte delle FS, ma con il trasferimento della direzione regionale a Bari credo che ci possiamo mettere l’animo in pace perché questi disagi continueranno nel tempo». [a.pac.]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725