Lunedì 15 Agosto 2022 | 14:12

In Puglia e Basilicata

C'è nebbia: in Puglia non s'atterra e non si decolla

C'è nebbia: in Puglia non s'atterra e non si decolla
di MARISA INGROSSO
Basta un po' di nebbia simil-padana, cioè ben fitta, stagnante, per mettere in ginocchio il trasporto aereo in Puglia. In serata, i voli in arrivo a Bari sono stati "rerouted", cioè dirottati in un altro aeroporto (a Napoli soprattutto), e uno in partenza è stato cancellato. Inoltre, verso le 22 e 30, è stato chiuso anche l'aeroporto di Brindisi. Ko pure Foggia. Soltanto un aereo, un RyanAir proveniente da Malta, ha sfidato questo candido "blob" che avvolge la regione ed è riuscito a toccare terra a Bari-Palese. Per tutti gli altri viaggiatori, invece, solo disagi terribili. La Seap: abbiamo uno strumento ma non funziona con visibilità inferiore a 100 metri

17 Novembre 2009

BARI - Ok, la nebbia era ben fitta. Un bianco stagnante, inquietante, da pianura Padana. Però è anche vero che ha messo letteralmente in ginocchio il trasporto aereo in Puglia. A causa dei banchi, in serata i voli in arrivo a Bari sono stati "rerouted", cioè dirottati in un altro aeroporto, e uno in partenza è stato cancellato. Inoltre, verso le 22 e 30, è stato chiuso anche l'aeroporto di Brindisi. Ko pure Foggia. Enormi i disagi patiti dai viaggiatori che si son trovati in tutt'altra regione o che son rimasti a terra.

Consultando il sito degli aeroporti pugliesi (www.aeroportidipuglia.it) si scopre che i primi a rimanere "gabbati" della nebbia sono stati i passeggeri del volo AZ1606 che doveva partire alle 19 e 10 per Roma Fiumicino. I ritardi si sono accumulati e voli in scaletta nel pomeriggio sono slittati fino a sera. Alla fine, sono stati "rerouted".
I primi a patire i disagi pare siano stati quei poverini che, a bordo del Darwin 0D0035 proveniente da Palermo, avrebbero voluto raggiungere Foggia. Siccome però il "Gino Lisa"  pare fosse già avvolto dalla nebbia, hanno tentato di farli atterrare a Bari. L'arrivo era previsto per le 20 e 40. Non è stato possibile e sembrerebbe che siano andati a finire a Capodichino. Anche il volo della Darwin (0D0046) per Milano Malpensa delle 20 e 30 risulta, quindi, dirottato. 

Di lì a poco, altri due Alitalia per Bari sono stati "rerouted". Si tratta dell'AZ1607, che doveva atterrare alle 21 e 30, e dell'AZ1611, delle 21 e 27. Stessa sorte per un AirOne (l'AP2912) in arrivo a Bari-Palese, da Milano Linate, per le 22 e 37. E brutta rogna anche per i passeggeri dell'EasyJet U2957 che, partito da Fiumicino alle 20 e 55, avrebbe dovuto toccare l'aeroporto barese alle 21 e 20: si sono ritrovati tutti a Napoli, a Capodichino.

Per chi s'è ritrovato in Campania - stando a quanto si è appreso - sarebbero stati attrezzati dei pulmann che, nella notte, dovrebbero consentirgli di raggiungere la Puglia. 

E la domanda che si fanno le decine di passeggeri in partenza e in arrivo è: possibile che l'aeroporto di Bari non sia dotato di un sistema che consente l'atterraggio anche se c'è la nebbia? La Gazzetta ha girato il quesito alla Seap che spiega: «A Bari abbiamo un congegno per l'atterraggio strumentale ma la visibilità questa notte è inferiore ai 100 metri e, quindi, non può essere usato».
Troppa nebbia e troppo fitta per le strumentazioni del capoluogo. Ma allora perché non farli atterrare a Brindisi? Risposta: «Perché tra pochi minuti, e sono le 22 e 30, chiuderà per nebbia anche l'aeroporto di Brindisi».

Dopodiché è stato cancellato in tronco l'ultimo volo dalla Capitale per Bari: l'AZ1603 dell'Alitalia (in arrivo per le 23 e 30), non lascerà Fiumicino.

In pratica, dalle 20 e 40 in poi, l'Aeroporto Internazionale "Karol Wojtyla" di Bari è stato in balìa di questa sorta di candido "blob". C'è solo un aereo che - stando ad aeroportidipuglia.it - è riuscito a toccare terra lì dove doveva: il RyanAir che, proveniente da Malta, è atterrato a Bari alle 20 e 55 minuti, con soli 10 minuti di ritardo sull'orario schedulato. Un pilota portentoso.  

Però, se non si hanno i superpoteri di questo virtuosista dei comandi, si deve viaggiare per forza e non si può contare su un bel paio "binari", allora valga l'avvertimento di Anas e Autostrade: diminuire la velocità e prudenza, la visibilità è scarsa.
di MARISA INGROSSO
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725