Domenica 14 Agosto 2022 | 11:25

In Puglia e Basilicata

Ferrarese a Napolitano «Anche in Puglia l'alta  velocità ferroviaria»

Ferrarese a Napolitano «Anche in Puglia l'alta  velocità ferroviaria»
E' la richiesta presentata al capo dello Stato, Giorgio Napolitano, dal presidente della Provincia di Brindisi, Massimo Ferrarese. «E’ opportuno intervenire per far sì che la linea ferroviaria dell’alta velocità non si fermi in Campania, ma che in questo spirito di unità nazionale – che lei stesso ha ultimamente rivendicato con orgoglio – possa essere inserito anche questo territorio»
• MORETTI: da Bari a Napoli solo l'Alta capacità»
• Ryanair: stop a nuove basi in Puglia se Enac ci impone di accettare le licenze di pesca come documenti 

17 Novembre 2009

“La storia a distanza di quasi un secolo si sta ripetendo: Brindisi e la Puglia vengono escluse dai veloci collegamenti ferroviari, così come avvenne con la Valigia delle Indie. E’ opportuno intervenire per far sì che la linea dell’alta velocità non si fermi in Campania, ma che in questo spirito di unità nazionale – che lei stesso ha ultimamente rivendicato con orgoglio – possa essere inserito anche questo territorio”: in una lettera al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il presidente della Provincia, Massimo Ferrarese, sollecita un intervento affinché la rete ferroviaria dell’Alta velocità possa prolungarsi sino al Salento dove essa non solo non è programmata, ma neanche progettata. 

Ecco alcuni passaggi della lettera 
I treni ad alta velocità stanno rivoluzionando il modo di viaggiare degli italiani e contribuiscono ad “avvicinare” le città offrendo un’alternativa valida e concorrenziale all’aereo. Con il completamento della rete AV Torino - Salerno, pronta al lancio il 13 dicembre prossimo, entra a pieno regime la “metropolitana veloce d’Italia” e si compie l’ultimo, decisivo passo verso la rivoluzione della mobilità italiana. Nei giorni scorsi l’amministratore delegato delle Ferrovie, Mauro Moretti, ha annunciato l’ulteriore abbattimento dei tempi di viaggio, con i nuovissimi “Freccia rossa” che di fatto si pongono come alternativa agli aerei. La tariffa su questi treni superveloci costa un quarto rispetto a quella dell’aereo con alto confort: saramno dotati di linee telefoniche e internet senza interruzioni e di qualità per chi vuole navigare o usare il suo telefonino. Tutto questo sulla linea Torino-Salerno. Insomma, tutti i grandi investimenti per velocizzare i collegamenti ferroviari riguardano tutto il nord Italia e il versante tirrenico della Penisola, ignorando l’esistenza della Puglia che pure rappresenta tuttora un’area importante del Paese e che merita – proprio in funzione dalla sua penalizzazione geografica – ancora più attenzione rispetto a zone più vicine al centro nevralgico dell’Europa. Non solo, la nostra Regione continua ad essere – forse ancor più che in passato – una porta di collegamento con l’Oriente e con le principali nazioni che si affacciano sul Mediterraneo. L’interruzione alla linea dell’alta velocità, che si ferma in Campania, crea di fatto una frattura e penalizzando questa parte dell’Italia accresce una disparità di trattamento rispetto alle altre regioni. Chi ha programmato questi percorsi, trascurando completamente la nostra area geografica, probabilmente ignora che la prima “linea ad alta velocità” ferroviaria della storia terminava proprio nella stazione marittima di Brindisi. Dal 1870 al 1914, infatti quella linea - denominata “Valigia delle Indie” - collegava Londra a Bombay conducendo viaggiatori e merci sino a Brindisi da dove si imbarcavano per l’Oriente. Questo percorso consentiva di risparmiare ben tre giorni rispetto a chi decideva di raggiungere l’India imbarcandosi dal porto francese di Marsiglia. Guardacaso tale servizio – che aveva proiettato Brindisi e la Puglia a livello mondiale (tanto che anche Gandhi scelse questa linea per ritornare in India) fu all’improvviso eliminato per mancanza di investimenti del governo italiano che non si preoccupò di potenziare le nostre infrastrutture portuali, portando le compagnie proprietarie dei piroscafi a preferire altri scali. Ancora una volta, dopo quasi un secolo, la storia si ripete. Gli ultimi governi, hanno deciso di potenziare i collegamenti ferroviari - e di fatto di migliorare l’economia - di alcuni territori, penalizzando nuovamente Brindisi e la Puglia. 

Il presidente Napolitano ha dichiarato proprio in questi giorni che “grazie anche a queste opere si consolida materialmente e anche sul piano delle relazioni umane l’unità nazionale e i rapporti tra il Nord a Sud”. 
"Ecco – spiega Ferrarese per chiarire i motivi che lo hanno spinto a scrivere al Capo dello Stato – penso che sia giunto il momento che anche questa terra venga considerata parte attiva del Paese. Ma per sentirsi uniti bisogna essere anche collegati”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725