Mercoledì 17 Agosto 2022 | 10:05

In Puglia e Basilicata

Fasano, campagne invase da storni

Fasano, campagne invase da storni
di GIANNICOLA D'AMICO
Da qualche settimana olivicoltori e orticoltori sono, ormai, vittime di stormi composti da migliaia di questi volatili che sono nocivi per le coltivazioni. Nonostante i danni che questi volatili arrecano, la caccia allo storno in Puglia è vietata. Una delle situazioni peggiori la vivono proprio gli agricoltori fasanesi. Gli storni, infatti, distruggono interi oliveti, mangiando le drupe (olive) e danneggiando anche le piazzole di raccolta del frutto, e arrecano seri danni anche alle colture orticole. Si tratta di danni stimati in decine e decine di migliaia di euro

15 Novembre 2009

di GIANNICOLA D’AMICO 

FASANO - E’ emergenza storni nelle campagne fasanesi. Da qualche settimana olivicoltori e orticoltori sono, ormai, vittime di stormi composti da migliaia di questi volatili che sono nocivi per le coltivazioni. Nonostante i danni che questi volatili arrecano, la caccia allo storno in Puglia è vietata. Una delle situazioni peggiori la vivono proprio gli agricoltori fasanesi. Gli storni, infatti, distruggono interi oliveti, mangiando le drupe (olive) e danneggiando anche le piazzole di raccolta del frutto, e arrecano seri danni anche alle colture orticole. Si tratta di danni stimati in decine e decine di migliaia di euro. Una situazione davvero insostenibile per le aziende agricole. 

A scendere in campo per chiedere provvedimenti urgenti alla Regione Puglia è la Cia (Confederazione italiana agricoltori) che ha chiesto all’assessorato regionale alle risorse agroalimentari di attivarsi affinché venga concessa la deroga per la caccia dello storno. «Da qualche settimana milioni di storni stanno compromettendo seriamente le colture olivicole e orticole – spiega il fasanese Donato Petruzzi, vicepresidente regionale vicario della Cia -. I danni ammonterebbero già a svariate centinaia di migliaia di euro. Il tutto sta complicando irrimediabilmente la già difficile situazione in cui si trovano ad operare le aziende agricole. Proprio per cercare di trovare una soluzione a questo grave problema – conclude Petruzzi – abbiamo chiesto all’assessorato regionale alle risorse agroalimentari di attivarsi affinché venga concessa la deroga per la caccia allo storno”. 

In sostanza quello che chiedono gli agricoltori e le loro associazioni di categoria è quanto attuato nello scorso anno ovvero nella stagione venatoria 2008-2009, quando la Regione Puglia permise una deroga alla caccia dello storno, proprio a seguito delle sollecitazioni del mondo agricolo. Tale deroga quanto meno consentì una forte limitazione della proliferazione di questi volatili e di conseguenza una sensibile riduzione dei danni alle colture agricole. Quest’anno, invece, tale deroga non è stata consentita e, di fatto, si è ritornati alla situazione che si è vissuta negli anni precedenti al 2008, con cieli invasi da stormi di storni composti da migliaia e migliaia di volatili che stanno seminando distruzione in ogni angolo della provincia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725