Mercoledì 10 Agosto 2022 | 07:06

In Puglia e Basilicata

Regionali in Puglia Casini: non andremo con Vendola

Regionali in Puglia Casini: non andremo con Vendola
Lo ha detto il leader dell’Udc Pierferdinando Casini intervenendo poco fa agli Stati generali dell’Udc della Puglia, a proposito della candidatura per il centro sinistra dell’attuale presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, alle prossime regionali. «Vendola è per me una persona perbene ma non è compatibile, non può impersonificare l'alleanza per il Mezzogiorno a cui noi aspiriamo». E quando gli si chiede di Emiliano, risponde: «Non faccio gossip»
• La Poli: Casini è stato molto interessante
• L'Udc tifa per Di Paola o la Poli Bortone

14 Novembre 2009

BARI – «Finiamola con questa telenovela: il discorso con questi Stati generali si chiude. Noi vogliamo la discontinuita. Se non ci saranno condizioni nuove saremo noi a determinare percorsi nuovi». Lo ha detto il leader dell’Udc Pierferdinando Casini intervenendo poco fa agli Stati generali dell’Udc della Puglia, a proposito della candidatura per il centro sinistra dell’attuale presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, alle prossime regionali. 

«Non c'e peggior sordo di chi non vuol sentire. Io questo lo dico da mesi. Oggi – ha continuato Casini – spero che sia tutto chiaro. Auguro agli amici del centro sinistra la migliore sorte se ritengono di andare per questa strada, ma non possono pensare di non aver capito quello che ho detto. Perchè l’ho detto chiaro». «Vendola è per me una persona perbene ma – ha continuato Casini – non è compatibile, non può impersonificare l'alleanza per il Mezzogiorno a cui noi aspiriamo». «Rispetto – ha chiarito ancora Casini – il centrosinistra se ritiene di riproporre la giunta Vendola, noi non possiamo far parte di questa eventuale esperienza perchè crediamo che serva, anche simbolicamente, un segno di discontinutà forte nella guida».

«Noi riteniamo - ha continuato Casini – che nella Regione Puglia serva una discontinuità  amministrativa: se si ritiene che questa Regione sia stata bene  amministrata questo parere ha diritto di cittadinanza, io non mi  scandalizzo. Ma – ha aggiunto – con umiltà e anche con  fermezza dico: mi consentano gli amici che la pensano in questo  modo di dire che questa non è la nostra opinione. Molto  semplicemente. Non manco di rispetto a nessuno». 

«Certo anche in questa giunta regionale – ha sottolineato  anche Casini – ci sono persone per bene: il mio amico Dario  Stefano penso che possa essere un ottimo assessore anche in  un’altra giunta e sono convinto che fa bene il suo lavoro. Ma  complessivamente noi riteniamo che serva discontinuità: bisogna  girare pagina. E non è un caso – ha concluso – che quando  noi siamo andati alle elezioni provinciali noi abbiamo candidato  persone che di questa discontinuità sono state paladine».

«Emiliano? Non faccio nomi sulle candidature. Non faccio gossip. C'è una questione che  riguardava Vendola, me l’avete posta, io ho risposto». Così Casini, ha poi risposto ai giornalisti che gli  chiedevano se, escludendo Vendola, l’ipotesi di Michele Emiliano  candidato per il centrosinistra possa convincere l’Udc per le  prossime regionali. «L'Alleanza per il Mezzogiorno – ha tagliato corto Casini –  significa che c'è bisogno di qualcosa di diverso della  riproposizione degli schemi nazionali in Puglia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725