Domenica 14 Agosto 2022 | 17:39

In Puglia e Basilicata

Foggia oggi e domani commemora i 67 morti del crollo di Viale Giotto

Foggia oggi e domani commemora i 67 morti del crollo di Viale Giotto
di DAVIDE GRITTANI
Istituzioni, enti pubblici e privati, associazioni di volontariato e culturali tutte mobilitate per il decennale del crollo del palazzo in viale Giotto. (11 novembre ‘99 - 11 novembre ‘09). Una partecipazione civile che praticamente non ha precedenti. In 19 secondi, l'edificio si sbriciolò. Morirono 67 persone. Ecco il calendario degli eventi di commemorazione

10 Novembre 2009

Istituzioni, enti pubblici e privati, associazioni di volontariato e culturali tutte mobilitate per il decennale del crollo del palazzo in viale Giotto. (11 novembre ‘99 - 11 novembre ‘09). Una partecipazione civile che praticamente non ha precedenti, se a quelle organizzate nel capoluogo si aggiungono le commemorazioni varie organizzate nel resto della provincia. Una su tutta la messa solenne organizzata, per il pomeriggio dell’11 novembre, presso la Basilica di Bovino. 

«Una mobilitazione che fa molto piacere - ha commentato il presidente della Provincia Antonio Pepe - perché ricorda a tutti che la memoria non è morta, perché ricorda a tutti che viale Giotto non è affatto una vicenda, almeno sul piano affettivo, che può considerarsi chiusa». E proprio Pepe, insieme al sindaco di Foggia Giovanni Mongelli, ieri mattina ha inaugurato la “mostra fotografica” curata dal Comando provinciale dei vigili del fuoco, prima di presentare il volume «Quando il mondo ti crolla addosso» scritto da Antonietta Padalino. 

Val la pena di visitare la mostra, perché si ricorda che i vigili non saranno certo esperti di fotografia ma avevano a disposizione uno scenario privilegiato essendo stati i primi ad arrivare e gli ultimi ad andare via dal cratere. «Questa città sta rispondendo in maniera straordinaria alle celebrazioni del decennale - ha detto Mongelli - segno che il tempo non ha cancellato nessun ricordo, segno che il tempo non ha affievolito l’affetto che i foggiani nutrono verso questo eroi civili. Noi? Noi come Comune abbiamo voluto innanzi tutto mettere a posto le cose, realizzando il giardino che domani verrà consegnato alla cittadinanza. Ci sembrava un gesto semplice da cui però ripartire, un gesto da cui ricominciare a stimolare il senso del ricordo e del rispetto in questa città». 

In attesa della inaugurazione del giardino prevista per questa mattina, rieccoli uno per uno tutti i maggiori appuntamenti dedicati al decennale del crollo di viale Giotto. 

Martedì 10 novembre, ore 10 In viale Giotto cerimonia di consegna alla città del «Giardino della memoria » allestito dal Comune di Foggia: un giardino con al centro una grande quercia e attorno 67 camelie, una per quante sono state le vittime del crollo dell’11 novenmbre 1999. 

Martedì 10 novembre, alle 17.30 Fiaccolata del ricordo, con un tragitto che andrà da piazza XX Settembre a viale Giotto, quindi deposizione di corone al «Giar- dino della memoria». 

Mercoledì 11 novembre, ore 11 Su disposizione del rettore Giuliano Volpe, l’Università degli studi di Foggia osserverà nella sede del rettorato «un minuto di silenzio» in onore delle 67 vittime del crollo. 

Mercoledì 11 novembre, alle 11.30 Deposizione di una corona di fiori sul «Me- moriale di viale Giotto» al cimitero, a cura dell’amministrazione comunale e alla presenza del sindaco Gianni Mongelli, del presidente della Provincia Antonio Pepe e di rappresentati delle istituzioni e della società civile. 

Mercoledì 11 novembre, ore 11.30 Presso l’Istituto tecnico commerciale Pietro Giannone e l’Associazione culturale Musica per sorridere hanno organizzato (all’auditorium della scuola in via Luigi Sbano 5) un monologo scritto e interpretato da Marcello Colopi dal titolo «Diciannovesecondi» (dal tempo che il palazzo impiegò per implodere su se stesso). Il lavoro teatrale «Diciannovesecondi» racconta cosa, come e perché avvenne la più grande tragedia dell’edilizia italiana. 

Il monologo, si sviluppa in due parti: la prima narra la cronaca del crollo, i superstiti, le vittime e i soccorritori; la seconda narra le ragioni del crollo, l’inchiesta e la contro inchiesta. Tutta la pièce teatrale è accompagnata da brani musicali originali interpretati dal vivo dal maestro Antonio Piacentino. 

Mercoledì 11 novembre, nel pomeriggio Presso la chiesa Basilica di Bovino messa in suffragio delle vittime. 

Mercoledì 11 novembre, alle 18.30 Presso la chiesa del Sacro Cuore messa cantata del tenore Luciano Natale. 

Mercoledì 11 novembre, alle 20.30 Presso la Basilica di San Giovanni Battista, «Requiem in do minore del coro polifonico Jubilate Deo». Il concerto è stato organizzato dalla Fondazione Banca del Monte di Foggia - Siniscalco Ceci, e si ricorda che l’attivissimo presidente della FBdM Francesco Andretta ha anche annunciato «abbiamo assicurato il nostro impegno alla realizzazione di un simbolo monumentale che ricordi le 67 vittime del crollo». 
di DAVIDE GRITTANI
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725