Mercoledì 17 Agosto 2022 | 18:06

In Puglia e Basilicata

Bisceglie, va in pezzi l'antica chiesa-torre

Bisceglie, va in pezzi l'antica chiesa-torre
di LUCA DE CEGLIA 
Un altro cedimento nella chiesetta in contrada Sagina (di proprietà dell'ente Ipab "principessa Jolanda") dedicata ai Santi patroni Mauro, Sergio e Pantaleone: un'epigrafe è andata in frantumi. Il Comune sta facendo il possibilie per il reperimento dei fondi necessari al restauro ma, nel frattempo, Sagina - tra i simboli dell'identità storica della comunità biscegliese - rientra nel patrimonio di beni culturali a rischio "estinzione"

10 Novembre 2009

BISCEGLIE - Un altro cedimento si è verificato nell’antica chiesa-torre in contrada Sagina, importante luogo della tradizione religiosa legata alla storia dei Santi patroni Mauro, Sergio e Pantaleone che versa in un preoccupante stato di abbandono. Un’epigrafe collocata all’interno della chiesetta, che ricordava alcuni restauri effettuati nei primi anni del Novecento, si è improvvisamente staccata con i calcinacci riducendosi in decine di frammenti. Ad accorgersene sono stati alcuni confratelli della Confraternita dei Santi Martiri che hanno in cura il fondo agricolo circostante, che curano l’immobile di proprietà dell’ente Ipab “principessa Jolanda”. Per salvare questo bene culturale l’am - ministrazione comunale approvò lo scorso anno un progetto di restauro sperando di reperire circa 200 mila euro da dai Programmi regionali Por 2007-2013 che però non sono arrivati. Ora si sta tentando la “carta” del Gal, ovvero dei finanziamenti per la salvaguardia della ruralità che saranno gestiti dal Gruppo di Azione Locale. Il progetto, redatto dall'ufficio tecnico comunale e che comprende anche l'acquisto della chiesetta per una spesa di 10 mila euro, consisterà nel consolidamento ed impermeabilizzazione dell'immobile, l'esecuzione di saggi sugli intonaci per verificare l'eventuale presenza di affreschi, la rimozione della pavimentazione per la realizzazione di un sottostante vespaio di aerazione, il restauro dell'altare marmoreo. A Sagina la storia narra che nel 1167, come emerge dalla cronaca del vescovo Amando, tra i ruderi di villa Tecla in quella terra furono trovate le ossa dei santi Mauro, Sergio e Pantaleone, diventati protettori di Bisceglie. Su quei ruderi nel 1708 fu eretta una chiesa dedicata ai tre santi, come ricorda un'altra antica epigrafe posta sulla facciata esterna. 

La chiesetta è costituita da una stanza seminterrata di forma rettangolare con volta a botte, alla quale è annesso un piccolo vano. Sagina rientra nel patrimonio di beni culturali simbolo dell'identità storica della comunità biscegliese a lungo dimenticati e da salvare al più presto, non solo con i dovuti restauri ma valorizzandoli con l’inserimento in un percorso turistico che comprenda anche dolmen, grotte e casali.

di LUCA DE CEGLIA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725