Giovedì 18 Agosto 2022 | 03:20

In Puglia e Basilicata

Vendola difende l'Aqp dai privati: ricorso alla Consulta. Plaude la Cgil

Vendola difende l'Aqp dai privati: ricorso alla Consulta. Plaude la Cgil
Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia (che controlla il 95% del gestore idrico), ha spiegato che impugnerà davanti alla Corte Costituzionale l'articolo 15 del decreto legge sugli Obblighi comunitari che liberalizza i servizi pubblici locali, rivendicando alla Regione la competenza esclusiva sulla materia. «La privatizzazione dell'acqua - ha detto Vendola - è una bestemmia contro Dio». D'accordo con lui il segretario generale della FP-Cgil, Carlo Podda
• Rocco Palese (capogruppo Fi Pdl alla Regione Puglia): il ricorso è un «concentrato di demagogia»

09 Novembre 2009

ROMA - L’Acquedotto pugliese, il più grande d’Europa con i suoi 25mila chilometri di rete, oggi è un’azienda risanata con i conti a posto, che investe e che assicura qualità del servizio a tariffe competitive. Lo ha sottolineato Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia (che controlla il 95% del gestore idrico), spiegando perchè impugnerà davanti alla Corte Costituzionale l’articolo 15 del decreto legge sugli Obblighi comunitari che liberalizza i servizi pubblici locali, rivendicando alla Regione la competenza esclusiva sulla materia. 

«L'Acquedotto pugliese - ha detto Vendola - oggi è un gioiellino che fa gola ai privati. Tre anni fa, quando l’abbiamo preso in gestione, la società investiva 23 milioni l’anno, oggi ne investe 130 milioni l’anno; prima le tariffe aumentavano del 6,5% l’anno, con noi sono rimaste bloccate per tre anni; le perdite ammontavano al 35% della rete, oggi siamo scesi al 28% con un risparmio di 25 milioni di metri cubi d’acqua l’anno. Abbiamo internalizzato i depuratori, attività che i privati non avrebbero alcun interesse a fare nei centri minori, risparmiando 5 milioni di euro l’anno. Abbiamo risanato i conti, rinegoziando un prestito con Merrill Lynch e uscendo dalla palude della finanza derivata per cui se Gm fallisce, fallisce anche l'Acquedotto pugliese». 

«La privatizzazione dell’acqua - ha concluso Vendola - è una bestemmia contro Dio. Il decreto è un crimine contro l’umanità. L’acqua è un bene comune e non è assoggettabile alle regole del mercato. Noi vogliamo la ripubblicizzazione dell’acqua, come sta avvenendo in Francia e in molte altre parti del mondo, e ci impegneremo per trasformare l’Aqp da società per azioni a ente di diritto pubblico». 

L'iniziativa della Regione Puglia, che per ora resta isolata in Italia, ha ricevuto oggi l’appoggio del segretario generale della FP-Cgil, Carlo Podda: "Cgil, Cisl e Uil hanno indetto per il 18 novembre uno sciopero di 24 ore degli operatori di igiene ambientale per protestare contro l’articolo 15 del decreto. La mia organizzazione metterà a disposizione le sue strutture territoriali in tutta Italia affinchè anche altre Regioni seguano l’esempio della Puglia".
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725