Mercoledì 28 Settembre 2022 | 11:23

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Influenza suina Puglia, paura per neonato Primo caso in Basilicata

Influenza suina Puglia, paura per neonato Primo caso in Basilicata
I casi di contagio grave da influenza «A» in Puglia restano sei, quattro donne ricoverate tra Bari e la Bat, e due bambini. Ieri è arrivata la conferma del contagio anche per il bimbo di 7 anni ricoverato a Bari, al «Giovanni XXIII», nel reparto di malattie infettive, ma da ieri sera si inizia a temere per un neonato, figlio della 31enne di Bisceglie ricoverata sabato a Trani perchè affetta da influenza A. Primo caso grave di «suina» anche in Basilicata. È in cura nel reparto di pediatria dell’ospedale Maddonna delle Grazie di Matera un bambino di 8 anni di Bernalda
• Tre scuole chiuse a Molfetta: «ma solo per precauzione»
• Fiore: due milioni di euro per i medici che potranno vaccinare a domicilio

04 Novembre 2009

L'influenza A ha fatto ieri una nuova vittima: un musicista salernitano di 37 anni, già sottoposto a dialisi. Il bilancio totale delle vittime sale a 18 mentre le analisi hanno confermato che il bambino morto ieri a Roma non era affetto dal virus A/H1N1. Nonostante le rassicurazioni del viceministro alla salute Ferruccio Fazio, secondo il quale i bambini non sono a rischio, la paura delle utlime ore continua a riguardare i più piccoli, compreso un neonato pugliese. 

PUGLIA - I casi di contagio grave da influenza «A» in Puglia restano sei, quattro donne ricoverate tra Bari e la Bat, e due bambini. Ieri è arrivata la conferma del contagio anche per il bimbo di 7 anni ricoverato a Bari, al «Giovanni XXIII», nel reparto di malattie infettive. Per tutti la situazione è stabile, per quanto ancora complicata, ma da ieri sera si inizia a temere per un neonato, figlio della 31enne di Bisceglie ricoverata sabato a Trani perchè affetta da influenza A. Il piccolo, nato con parto cesareo alla 33sima settimana proprio dopo la diagnosi di «suina» effettuata sulla madre e il complicarsi delle sue condizioni respiratorie, è ricoverato a San Giovanni Rotondo in terapia intensiva neonatale. Ieri sera, improvvisamente, la sua situazione si è aggravata a causa di una forte insufficienza respiratoria, al punto da far sospettare ai medici che anche il piccolo neonato sia rimasto colpito dallo stesso virus della madre. I sanitari hanno effettuato il tampone che è stato inviato d’urgenza ai laboratori del Policlinico di Bari: i risultati si avranno oggi. 

BASILICATA - Primo caso grave di «suina» anche in Basilicata. È in cura nel reparto di pediatria dell’ospedale Maddonna delle Grazie di Matera un bambino di 8 anni di Bernalda, colpito dalla influenza A. Il piccolo si trova da ieri ricoverato in terapia intensiva. l test del tampone effettuato a Bari hanno confermato la diagnosi di influenza A. Ieri mattina il bambino ha avuto difficoltà respiratorie ma nell’arco della giornata la situazione è migliorata e le sue condizioni non desterebbero preoccupazione. Nessuna spiegazione tuttavia è stata diffusa dalle autorità sanitarie lucane che tentano di imporre intorno all’emer - genza-influenza un ingiustificabile riserbo. 

FAZIO: BIMBI NON SONO A RISCHIO - I più piccoli, ha spiegato ieri il vice ministro salla Salute Fazio nel corso di un’intervista a Mattino 5, su Canale 5, sono più esposti al contagio, e quindi si ammalano di più, ma non sono più a rischio di sviluppare reazioni pericolose per l’organismo. La mortalità per l'influenza A, ha ribadito, resta «bassissima» e in Italia ci sono meno morti rispetto ad altri paesi europei. «Non c'è da preoccuparsi – ha detto il viceministro – questa influenza non è pericolosa per le persone che non hanno particolari malattie». Fazio ha ribadito anche che giovedì prossimo verrà fatto un punto sulle vaccinazioni durante la Conferenza Stato-Regioni. Il viceministro ha anche reso noto che si recherà a Napoli giovedì mattina per verificare in prima persona la situazione in Campania dopo l’alto numero di vittime in seguito al virus dell’influenza A. 

INDICAZIONI A REGIONI SU VACCINI - «Abbiamo dato indicazioni alle Regioni sui piani vaccinali passati e futuri in modo tale che non ci siano più dubbi» ha poi proseguito Fazio, commentando la riunione dell’unità di crisi che si è svolta oggi presso il dicastero del Welfare 

BAMBINO MORTO A ROMA, NON ERA SUINA - Si è intanto accertato che il bambino di 10 anni morto ieri a Roma (e considerato la vittima numero 17) non era affetto da «suina»: lo ha accertato l’esame del tampone, anche rimane confermata la richiesta di autopsia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725