Mercoledì 10 Agosto 2022 | 07:15

In Puglia e Basilicata

E' morto Graziano Zizzi sindaco di Latiano Oggi alle 15 i funerali

E' morto Graziano Zizzi sindaco di Latiano Oggi alle 15 i funerali
BARI - E' morto l'altra sera al policlinico di Bari, dove era ricoverato da alcune settimane a causa di un grave incidente stradale avvenuto ad agosto scorso, il sindaco di Latiano, Graziano Zizzi. Aveva 42 anni, lascia la moglie Giuseppina Rizzo e un figlio di nome Pietro. A capo di una giunta di centrosinistra, Graziano Zizzi era stato eletto a luglio del 2007. I funerali si terranno sabato alla 15 a Latiano.
• Ecco il suo discorso di insediamento

24 Ottobre 2009

BARI - E' morto l'altra sera al policlinico di Bari, dove era ricoverato da alcune settimane a causa di un grave incidente stradale avvenuto ad agosto scorso, il sindaco di Latiano, Graziano Zizzi. Aveva 42 anni, lascia la moglie Giuseppina Rizzo e un figlio di nome Pietro. A capo di una giunta di centrosinistra, Graziano Zizzi era stato eletto a luglio del 2007.

Dopo il grave incidente avvenuto lo scorso 14 agosto alle porte di Latiano, Zizzi era stato ricoverato non in gravissime condizioni all'ospedale di Brindisi. Qui a causa delle gravi ferite riportate era stato sottoposto ad un delicato intervento. Nelle scorse settimane a causa del peggiorare delle sue condizioni di salute la famiglia aveva deciso di trasferirlo al Policlinico di Bari. Stasera la notizia della sua morte. E proprio stasera, sapendo del peggiorare delle condizioni del primo cittadino erano venuti a trovarlo qui a Bari quasi tutti i componenti la giunta, ma anche il neo comandante dei vigili urbani e il comandante della stazione dei carabinieri.

Domani, dopo le procedure di rito, il feretro del sindaco sarà trasferito nel suo paese. La camera ardente sarà allestita all'interno del palazzo Imperiali, nella sala consiliare dove Zizzi in questi ultimi mesi da sindaco, ma anche durante la precedente amministrazione, della quale era stato amministratore, aveva condotto e realizzato importanti iniziative.

In questi due mesi di malattia il suo paese si era quasi fermato in segno di affetto e di stima. La gente e soprattutto i giovani avevano aperto un affollato forum di solidarietà su Facebook.

L'ultima sua apparizione in pubblico era avvenuta in occasione della cerimonia di inaugurazione della antica Torre del Solise, restaurata dopo anni di degrado. Era stato, infatti, proprio il sindaco Zizzi (insieme ad un altro amministratore suo compagno e grande amico di giunta, il compianto vice sindaco Giovanni Rubino), ad avviare l'iter, per l'esproprio prima, e per l'ottenimento dei finanziamenti necessari al restauro di quel manufatto, poi. In quella occasione ufficiale, alla quale aveva partecipato anche l'assessore regionale al Territorio Angela Barbanente, il sindaco nel suo discorso aveva ricordato le battaglie condotte "insieme al suo amico Giovanni". E non si era preoccupato di nascondere la sua emozione nel ricordare la storia e i problemi spesso insuperabili per arrivare alla inaugurazione di quel restauro, annunciando anche i lavori di ristrutturazione dell'antico palazzo di Cristallo, anche questo da sempre in uno stato di degrado e di abbandono.

Era questa sua grande umanità e simpatia, una dote quasi naturale che Graziano aveva ereditato dal padre Pietro (studioso di antropologia culturale, autore di importanti libri di storia locale e corrispondente della Gazzetta), che lo aveva subito fatto amare dalla sua gente. La stessa che lo aveva poi votato a sindaco con una valanga di voti già al primo turno.
f.giuliano
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725