Sabato 01 Ottobre 2022 | 17:47

In Puglia e Basilicata

Laudati: su Tarantini pool di magistrati  rivaluterà tutto

Laudati: su Tarantini pool di magistrati  rivaluterà tutto
Per il procuratore di Bari Laudati la scelta di affidare a tre magistrati l’indagine sulle escort inviate da Tarantini anche nelle residenze del premier Berlusconi è finalizzata a «rivalutare tutto», perché «i fatti s'intersecano, quindi si cerca di stabilire l’interconnessione tra i filoni d’indagine»

20 Ottobre 2009

BARI - La scelta di affidare ad un pool di tre magistrati l’indagine sulle escort ingaggiate e inviate da Gianpaolo Tarantini anche nelle residenze private del premier Silvio Berlusconi è finalizzata a “rivalutare tutto”, perchè “i fatti si intersecano tra di loro, quindi si cerca di stabilire l’interconnessione che c'è tra i vari filoni d’indagine”.

Lo ha detto il procuratore di Bari, Antonio Laudati, rispondendo ai giornalisti sui tempi delle indagini e sui motivi che lo hanno indotto ad assegnare a tre pm le inchieste su Tarantini, indagato a Bari per spaccio di cocaina, corruzione e associazione per delinquere finalizzata alla corruzione.

“E' evidente – ha spiegato Laudati – che questi tipi di reati (il favoreggiamento della prostituzione contestato a Tarantini, ndr) sono funzionali alla commissione di altri e quindi non possono essere valutati indipendentemente”. “Una delle questioni che voi avete affrontato sulla stampa all’epoca del fermo di Tarantini – ha rimarcato – è legato all’art.61 comma 2 del Codice penale: la procura ha contestato i reati relativi alle escort come nesso teleologico per la commissione di altri reati”.

Nella richiesta di convalida del fermo di Tarantini la procura aveva contestato l’aggravante (esclusa invece dal gip) ritenendo che l’imprenditore avesse usato la cocaina per favorire l’attività di prostituzione delle ragazze della sua 'scuderià.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725