Martedì 16 Agosto 2022 | 13:12

In Puglia e Basilicata

La PA sbaglia meno se affidata ai cittadini

La PA sbaglia meno se affidata ai cittadini
Lo ha sottolineato il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, intervenendo ai lavori del convegno su 'Comunicazione pubblica nel cambiamento della Pa', che ha aperto i lavori del II Meeting nazionale dei Comunicatori pubblici, organizzato dalla Regione Puglia e in programma a Bari sino al 23 ottobre. «Le risposte delle pubbliche amministrazioni – ha detto Vendola – sono sbagliate soprattutto quando non sono conosciute le domande. Oggi le tecnologie informatiche consentono a noi di cedere potere ai cittadini che in ogni momento, con un accesso a internet, possono avere un accesso ai segreti del potere e quindi possono controllare»

19 Ottobre 2009

BARI - E' necessario che la Pubblica amministrazione, per sbagliare di meno, riesca a “cedere poteri ai cittadini”. Lo ha sottolineato il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, intervenendo ai lavori del convegno su 'Comunicazione pubblica nel cambiamento della Pà, che ha aperto i lavori del II Meeting nazionale dei Comunicatori pubblici, organizzato dalla Regione Puglia e in programma sino al 23 ottobre. 

«Come fa la Pubblica Amministrazione a sbagliare di meno? Le risposte – ha detto Vendola – sono sbagliate soprattutto quando non sono conosciute le domande. Oggi le tecnologie informatiche, la modernizzazione della comunicazione è utile perchè può consentire a noi di cedere potere ai cittadini che in ogni momento, con un accesso a internet, possono avere un accesso ai segreti del potere e quindi possono controllare. Possono controllare quella delibera, quella determina, quell'impegno di spesa, a cosa corrispondono, se c'è una deviazione dal servizio alla comunità o se invece stanno incarnando un importante servizio alla comunità». 

A tutto questo serve discutere di più di comunicazione: «non si tratta – ha detto Vendola – di essere dei pifferai magici, non si tratta di essere degli affabulatori, si tratta di essere fornitori di strumenti che consentano l’esercizio dei diritti». 
«La giunta regionale pugliese ha tentato in questi anni – ha anche spiegato il presidente della Regione – di costruire ogni processo di nuova normazione, ogni decisione importante, in un rapporto di condivisione e di scambio dialettico con i cittadini. Tutte le nostre leggi, dalla legge sulla trasparenza al piano della salute, sono nate con un processo democratico, anche raccogliendo in pubblicazioni le proposte e i suggerimenti dei cittadini. Affinchè nessuno si sentisse muto». 

E gli uffici di relazione con il pubblico della Pubblica amministrazione, secondo Vendola, «per non essere semplicemente l’espressione della cattiva coscienza, una specie di cartolina illustrata su quanto il potere soffre per la sua lontananza dai cittadini, bisogna che siano monitorati, bisogna vedere come funzionano, bisogna farli crescere qualitativamente». 
«Anche chi è nell’ufficio di relazioni con il pubblico – si è chiesto Vendola – che cultura ha? che cosa pensa del cittadino che incontra? E’ una rottura di scatole o invece lui è il delicatissimo anello di congiunzione tra Pubblica amministrazione e quel cittadino specifico? Allora la formazione della burocrazia che lavora dentro gli uffici di relazione con il pubblico è un lavoro continuo di contaminazione tra chi è capace di mettere in campo le migliori buone pratiche». 

E’ quindi tutta la Pa che deve crescere, verticalmente e orizzontalmente: «verticalmente significa che la Pa deve crescere acquisendo le competenze, deve conoscere il diritto comunitario laddove la Puglia oggi è un pezzo d’Europa e quindi bisogna sapere come leggere le decisioni che riguardano anche noi e che vengono prese a Bruxelles, deve saper conoscere la rete di Internet perchè le decisioni galleggiano su quella rete, deve essere esperto di lingue perchè più sai, soprattutto dal punto di vista comunicativo, più sei padrone dei processi reali. E deve crescere orizzontalmente – ha concluso Vendola – nella capacità di osmosi nel rapporto con i cittadini».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725