Mercoledì 17 Agosto 2022 | 13:04

In Puglia e Basilicata

«Banca del Sud: non sarà un carrozzone»

«Banca del Sud: non sarà un carrozzone»
Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, torna così a parlare della necessità e dell’importanza di un istituto «dal carattere autoctono» per il Mezzogiorno, che è «l'unica grande regione d’Europa, dall’Atlantico agli Urali e dal Baltico al Mediterraneo, che non ha una banca propria», rispondendo ad una domanda di una studentessa di Matera
• «Semaforo verde» al progetto Banca del Sud da parte del mondo bancario pugliese
• Ipres: con il Federalismo meno fondi al Sud

17 Ottobre 2009

MILANO – La Banca del Sud «non sarà un carrozzone» e con «2-3 milioni» lo Stato ne finanzierà lo start-up, risparmiando rispetto ai 5 milioni previsti nel disegno di legge approvato dall’ultimo Consiglio dei Ministri. Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, torna così a parlare della necessità e dell’importanza di un istituto «dal carattere autoctono» per il Mezzogiorno, che è «l'unica grande regione d’Europa, dall’Atlantico agli Urali e dal Baltico al Mediterraneo, che non ha una banca propria». 

«Il problema vero non sono quanti soldi metta il pubblico ma che ideologia, che leva, che ethos si attiva», spiega il ministro all’inaugurazione dell’anno accademico del Collegio di Milano, un campus inter-universitario di eccellenza per la formazione dei migliori studenti iscritti alle sette università del capoluogo lombardo. 

Tremonti, approfittando della domanda di una studentessa originaria di Matera, ribadisce che per la Banca del Sud «non ci sono soldi pubblici». Una precisazione che arriva dopo aver ripercorso le tappe della crisi economico-finanziaria e gli interventi messi in atto dai Governi per salvare il mondo da quella che poteva essere «una catastrofe» planetaria. In particolare, sulla questione del denaro pubblico per l’istituto, peraltro «vietato dall’Unione europea», spiega che nella fase di avvio del progetto, sulla scorta delle deroghe comunitarie per gli stanziamenti pubblici, «è ammesso un piccolo fondo», anche perchè «in tempi di crisi chiedere l’utilizzo di qualche milione di euro è assolutamente accettabile». Il progetto di una banca «più vicina al territorio», come quella pensata per il Sud, ha incassato un «entusiasmo crescente», sostiene il ministro, tanto che «ho come l'impressione che tutta la società economica e civile si mobiliterà: dall’industria al commercio, all’artigianato, alle cooperative di qualsiasi colore siano, a parti importanti del sindacato». 

L'idea di un istituto per il Mezzogiorno è «condivisa con forza anche nella mia coalizione», assicura Tremonti, ricordando come «ora in pista» ci siano «le banche di credito cooperativo» che rappresentano «il paradigma più prossimo» al progetto. Ma il modello a cui ispirarsi è quello del Credit Agricole, che il ministro definisce «straordinario». Ed hanno «una rete straordinaria» anche le Poste Italiane sul cui ruolo nella partita il ministro non si sbilancia: «Non lo so, dovranno trovare un loro futuro, è tutto da vedere, lo vedranno loro e i privati».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725