Martedì 16 Agosto 2022 | 12:36

In Puglia e Basilicata

L'imprenditore Intini: «Diedi a Gianpi Tarantini 150mila€ per fare affari»

L'imprenditore Intini: «Diedi a Gianpi Tarantini 150mila€ per fare affari»
di MASSIMILIANO SCAGLIARINI 
L'imprenditore pugliese Enrico Intini (nella foto), in un interrogatorio, ricostruisce i suoi rapporti con Gianpaolo Tarantini: gli diedi 150mila € perché ci facesse concludere nuovi affari. Il barese Gianpaolo "Gianpi" Tarantini, oltre a fare affari d'oro con la fornitura di protesi per la Sanità di Puglia, avrebbe procurato escort per allietare feste e festini del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi
• Intini: Paolo Berlusconi avrebbe potuto aiutarci e Gianpi ce lo presentò

16 Ottobre 2009

BARI - Il primo incontro tra Gianpaolo Tarantini ed Enrico Intini (nella foto), avvenne a Bari, a casa dell’imprenditore barese Francesco Maldarizzi. E il rapporto di consulenza tra Gianpi e Intini si perfezionò nello studio dell’avvocato Salvatore Castellaneta. A raccontarlo ai magistrati è lo stesso Intini, che in un interrogatorio del 2 luglio ricostruisce i suoi rapporti con Gianpi e apre uno spaccato sulla second life del re delle protesi, che stava tentando di cominciare una nuova carriera nelle pubbliche relazioni. 

Francesco Maldarizzi, importante imprenditore nel settore auto, è già comparso nelle cronache del caso-Tarantini. È sulla sua barca, in un weekend di luglio del 2007, che Gianpi incrocia Massimo D’Alema («Fu casuale, non sapevo chi fosse», spiegò il lider maximo). Ed al pm Giuseppe Scelsi, che lo ascolta insieme ad alcuni ufficiali della guardia di finanza, Intini spiega di aver conosciuto Tarantini due anni prima, proprio a casa di Maldarizzi. In quei giorni Intini è nel mirino, insieme ad altri imprenditori e all’allora direttore generale della Asl di Bari, Lea Cosentino, per un appalto di pulizie da 56 milioni bandito dall’azienda sanitaria. La vicenda è ormai chiarita: secondo Scelsi, che il 29 luglio ha presentato richiesta di archiviazione, né Intini né gli altri indagati hanno commesso alcun reato. Ma a Scelsi interessa approfondire i rapporti tra Intini e Tarantini. E Intini gli racconta di quell’incontro, avvenuto due anni prima a casa di Maldarizzi. Poi, una volta saputo che Tarantini aveva sviluppato importanti contatti a Roma e che conosceva il presidente del Consiglio, nasce l’idea di affidargli una consulenza. 

Le trattative per il contratto tra Intini e Tarantini, racconta l’imprenditore, si svolgono nello studio dell’avvocato fasanese Salvatore Castellaneta. È qui che sarà stipulata la consulenza da 150mila euro con cui Tarantini garantirà a Intini l’accesso a «nuove opportunità». Una di quelle opportunità è, come noto, l’incontro con Guido Bertolaso, capo della Protezione civile. Intini racconta al magistrato che Bertolaso gli suggerì di verificare se ci fossero opportunità di lavoro con Finmeccanica. E così partono una serie di contatti: Intini fa i nomi, tra gli altri, degli ingegneri Domenico Iannone, di due manager della Selex (sistemi elettronici), Manlio Fiore e Marina Grossi (due manager di un certo ingegner Mariani. I sondaggi, a quanto pare, non sono proficui. A Intini viene prospettata l’imminente revisione del sistema di Isoradio, che però non rientra nei suoi interessi imprenditoriali. 

Anche l’avvocato Salvatore Castellaneta è un nome già comparso in questa storia. A tirarlo in ballo è stato proprio Tarantini, che al pm Desirèe Digeronimo racconta di aver conosciuto nel suo studio Graziana Capone, una delle ragazze poi accompagnate alle feste di Berlusconi. Ma c’è un’incongruenza. Anche Tarantini, il 27 luglio, parla con Scelsi dell’incontro all’hotel De Russie di Roma. E al magistrato dice di conoscere Intini da circa un anno: a presentarglielo - racconta - furono Castellaneta e l’imprenditore Roberto De Santis. Una discrepanza di tempi e di fatti che i magistrati non hanno ritenuto di approfondire.
di MASSIMILIANO SCAGLIARINI 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725