Lunedì 08 Agosto 2022 | 03:26

In Puglia e Basilicata

Scuola, cortei in tutta la Puglia

Scuola, cortei in tutta la Puglia
BARI - ''La cultura non si vende, lescuole non sono aziende”: lo hanno gridato gli studenti che oggi a Bari, come a Foggia, Lecce, Brindisi, Altamura e Andria, hanno sfilato per le vie delle città per protestare, come avvenuto in tutta Italia, contro i tagli nella scuola e per chiedere una legge nazionale per il diritto allo studio. (Le foto pubblicate ci sono state inviate dagli studenti del 4 Ginnasio sez. D del "Flacco" di Bari)
• I rappresentanti degli studenti hanno incontrato alcuni membri del Consiglio regionale pugliese

09 Ottobre 2009

BARI - ''La cultura non si vende, lescuole non sono aziende”: lo hanno gridato gli studenti che oggi a Bari, come a Foggia, Lecce, Brindisi, Altamura e Andria, hanno sfilato per le vie delle città per protestare, come avvenuto in tutta Italia, contro i tagli nella scuola e per chiedere una legge nazionale per il diritto allo studio. 

A centinaia gli studenti hanno partecipato ai cortei che si sono tenuti in Puglia, organizzati dall’Unione degli studenti. Secondo fonti della questura, a Bari, in particolare, gli studenti erano un migliaio, circa 10mila secondo i dati dell?unione studenti. Il corteo era preceduto da un furgoncino dal quale venivano trasmesse musiche festose. Ad aprire il 'serpentone', uno striscione con la scritta: 'Pretendiamo il cambiamento'. 

Gli studenti chiedono infatti una didattica innovativa nelle scuole e il ritiro del progetto di legge presentato dal presidente della commissione Cultura della Camera, Valentina Aprea, sull'autogoverno delle istituzioni scolastiche, la libertà di scelta educativa delle famiglie e la riforma dello stato giuridico dei docenti. 

A Bari il corteo si è concluso sotto la sede della Regione Puglia, in via Capruzzi. La rivendicazione principale degli studenti pugliesi riguarda l’approvazione e il finanziamento della proposta di legge De Santis, cioè una nuova legge regionale sul diritto allo studio. In Puglia – secondo le organizzazioni di categoria – la riforma della scuola firmata dal ministro Gelmini porterà 5.040 professori in meno negli istituti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725