Lunedì 08 Agosto 2022 | 03:28

In Puglia e Basilicata

Chieste pene severe per clan barese in progetto anche un attentato ai Cc

Chieste pene severe per clan barese in progetto anche un attentato ai Cc
Pene fino ai 18 anni di reclusione sono state chieste dal pm della Dda di Bari, Desirè Digeronimo, nei confronti di 27 imputati, che vengono giudicati con rito abbreviato, ritenuti affiliati al clan Telegrafo del quartiere San Paolo di Bari. L'udienza preliminare si è tenuta dinanzi al gup del tribunale di Bari, Laura Toscani. Agli imputati vengono contestati in tutto 285 capi d’imputazione

07 Ottobre 2009

BARI - Pene comprese tra 7 e 18 anni di reclusione sono state chieste dal pm della Dda di Bari, Desirè Digeronimo, nei confronti di 27 imputati, che vengono giudicati con rito abbreviato, ritenuti affiliati al clan Telegrafo del quartiere San Paolo di Bari. L’udienza preliminare si è tenuta dinanzi al gup del tribunale di Bari Laura Toscani. Agli imputati vengono contestati in tutto 285 capi d’imputazione, tra i quali spiccano, a vario titolo, quelli di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata allo spaccio di stupefacenti, rapina, detenzione di armi ed estorsione. 

Le condanne più severe – 18 anni a testa – sono state chieste per Carlo Iacobbe, di 39 anni, Luca Antonio Sebastiano, di 30 anni e Stefano Petrone, di 32 anni; per il presunto capo dell’organizzazione, Lorenzo Valerio, di 41 anni, sono stati chiesti invece 12 anni di carcere, non essendogli contestato il reato associativo per lo spaccio di droga. 

I presunti affiliati al clan Telegrafo furono arrestati il 25 febbraio scorso in un blitz dei carabinieri. Nel corso delle indagini emerse anche il progetto di un agguato contro militari dell’Arma, che però venne sventato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725