Domenica 14 Agosto 2022 | 18:02

In Puglia e Basilicata

Brindisi, carbone  su campi: indagati  dirigenti Enel

Brindisi, carbone  su campi: indagati  dirigenti Enel
BRINDISI - Dirigenti della centrale Enel acarbone di Brindisi sono indagati dalla procura della Repubblica presso il tribunale messapico per i reati previsti dagli articoli 674 del codice penale (getto pericoloso di cose) e 635 (danneggiamento a piante e viti). La notizia – pubblicata oggi nell’edizione di Brindisi del 'Nuovo Quotidiano di Puglià – è stata diffusa ieri sera agli organi di informazione locali da Enel, spiegando che si tratterebbe di indagini su vicende connesse al carbonile e ai terreni adiacenti l’asse attrezzato per il trasporto del carbone.

07 Ottobre 2009

BRINDISI - Dirigenti della centrale Enel acarbone di Brindisi sono indagati dalla procura della Repubblica presso il tribunale messapico per i reati previsti dagli articoli 674 del codice penale (getto pericoloso di cose) e 635 (danneggiamento a piante e viti). La notizia – pubblicata oggi nell’edizione di Brindisi del 'Nuovo Quotidiano di Puglià – è stata diffusa ieri sera agli organi di informazione locali da Enel, spiegando che si tratterebbe di indagini su vicende connesse al carbonile e ai terreni adiacenti l’asse attrezzato per il trasporto del carbone. 

A quanto si è saputo, gli indagati sarebbero complessivamente una dozzina: dirigenti ed ex dirigenti della centrale Enel di Cerano, impegnati in vari settori, e i rappresentanti legali delle imprese che si occupano della movimentazione del carbone. 

L'inchiesta è stata avviata almeno un anno fa con una perlustrazione della Digos e della polizia scientifica della questura di Brindisi sui campi coltivati e i vigneti circostanti la centrale, che si concluse con la raccolta di prodotti coperti della polvere scura di carbone. 

Enel “esprime il suo stupore per un’iniziativa che arriva mentre sono in corso proficui incontri con le istituzioni locali e nazionali, compreso il Ministero dell’Ambiente, per definire tutta una serie di ulteriori interventi finalizzati alla riduzione dell’impatto sull'ambiente delle attività della centrale, tra i quali va segnalato l’avvio dell’iter autorizzativo per la realizzazione del carbonile coperto”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725