Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 23:10

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

Donna soddisfatta: laureata e quarantenne

Da un'indagine Eurisko risulta che sono più felici dei coetanei maschi, resta difficile da rompere il tetto di cristallo che le porterebbe alla dirigenza e a ruoli di prestigio
ROMA, 6 maggio 2004 - La categoria più soddisfatta in Italia? E' donna, ha fra i 35 e 45 anni, è laureata. Lo ha rilevato un'indagine dell'Eurisko, resa nota al seminario sulla leadership delle donne nella pubblica amministrazione organizzato oggi alla Scuola superiore dell'economia e delle finanze. L'indagine, di tipo qualitativo - ha detto Gabriella Alemanno, vice direttore generale dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato - ha rilevato che le donne nella fascia di età 35-45, se laureate, hanno un alto grado di soddisfazione, più dei coetanei uomini. Riescono infatti a coniugare il lavoro con la famiglia e, soprattutto, a non rinunciare a momenti di gratificazione personale. Queste donne, per Alemanno, «rappresentano il nerbo sociale della società italiana e «potrebbero dare un valore aggiunto al paese».
Al seminario, è stata ribadita la scarsa presenza femminile ai vertici decisionali, in questo caso della pubblica amministrazione. In una ricerca, promossa dai ministeri della funzione pubblica e delle pari opportunità, è stata quantificata, in modo analitico, la componente rosa nel settore. Le donne rappresentano circa il 50% dei dipendenti pubblici ma solo il 23% arriva alla dirigenza intermedia ed appena il 12% alla dirigenza apicale.
Rispetto ai paesi europei (dati del 2000), l'occupazione femminile nel settore pubblico oscilla dal 73,2% dell'Ungheria e 69,2% della Finlandia al 52,6% dell'Irlanda e 50,3% della Germania. La Svezia registra il 46,2%, la Norvegia il 43%, l'Olanda il 36,9%. In Italia è per la precisione 50,6%. Le percentuali di donne ai livelli decisionali è così suddivisa (elaborazione su Highlights of public sector pay and employment trend, 2002): Italia (26,8% dirigenza intermedia; 15% alta dirigenza), Irlanda (42,5%; 13,3%), Olanda (25,5%; 18,6%), Svezia (48%; 20%), Finlandia (27%; 23%).

Questa la presenza delle donne per settore nella pubblica amministrazione.
- Ministeri. Sono il 47,7% dei dipendenti. Dal 1992 al 2000 le dirigenti sono aumentate di quasi 8 punti (dal 18,9% al 26,8%), le dirigenti generali sono più che raddoppiate (dal 6% al 15,1%). Tendenza confermata anche da una rilevazione del marzo 2003: le donne dirigenti generali raggiungono il 18%. - Carriera diplomatica. Nessuna donna fra gli ambasciatori. Appena il 10,7% dei dipendenti è donna. - Magistratura. Sono il 33,2%. In particolare, è donna il 35,5% nella magistratura ordinaria, il 12,8% nel Consiglio di stato e Tar, il 31,3% nell'Avvocatura di stato, il 16,7% nella Corte dei Conti, il 9,6% nella magistratura militare. Nessuna donna nelle posizioni apicali della magistratura ordinaria; fra i presidenti di sezione, le donne sono solo il 7,6%. - Prefetti. Il personale della carriera prefettizia è circa la metà femminile. Ma è donna appena il 7,1% dei prefetti. Fra i viceprefetti, sono il 34,9%. - Scuola. Sono il 74,3%; il 38% è dirigente.
- Regioni-Autonomie locali. I direttori generali sono l'11,9% delle dipendenti. Percentuale che si innalza al 22% fra le qualifiche dirigenziali non della fascia superiore. La realtà con la più alta componente di personale femminile è l'Emilia Romagna (60,3%), la Valle d'Aosta (58,5%), Lombardia, Piemonte. La percentuale più bassa è in Campania (25,5%), seguono la Calabria, Molise, Basilicata dove le donne sono al di sotto del 30%. Rispetto alla dirigenza, in testa è la Valle d'Aosta (34%) e l'Emilia Romagna (33,1%); in coda la provincia di Bolzano (9,6%), la Calabria (12,8%), Campania e Puglia (circa il 15%).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400