Giovedì 11 Agosto 2022 | 07:42

In Puglia e Basilicata

D'Addario in tv: il premier sapeva che ero una escort

D'Addario in tv: il premier sapeva che ero una escort
ROMA - «Il premier lo sapeva che ero una escort. Lo ha detto anche alla Montereale che sapeva che ero una escort». Lo dice Patrizia D'Addario nella sua intervista ad Annozero. «Se lo hanno detto anche le altre ragazze che sapevano che io dovevo rimanere li? Ho passato tutta la notte col presidente, lo sapevano tutti che ero una escort. Lo sapeva. Io mi sono presentata al presidente come Alessia». «Non mi vergogno di quello che ho fatto, di quello che ho detto. In Italia c'è la strumentalizzazione della donna. Ma a me importa solo del mio cantiere, liberate il mio cantiere». 
• Tarantini (ai "domiciliari") diffida la Rai: fermate "Annozero"
• Il mistero di Patrizia, a casa del premier col nome di Alessia
• Asl Bari, arriva Calasso: Gianpy lo definì "amico"

02 Ottobre 2009

ROMA - Patrizia D'Addario rivela: «Berlusconi sapeva che ero una escort». È forse il momento clou della puntata di Annozero andata in onda questa sera su Raidue. Al centro il caso Tarantini e, per la prima volta sugli schermi della televisione pubblica, Patrizia D'Addario, l'escort che ha sollevato lo scandalo finito sulle prime pagine dei giornali italiani e stranieri. Soltanto l'annuncio della partecipazione della D'Addario aveva scatenato forti polemiche.

L'apice è stato raggiunto nel tardo pomeriggio di oggi quando è stata comunicata a Santoro l'esistenza di un parere legale della Rai. Otto pagine per sconsigliare il collegamento con la signora in virtù di ragioni giuridiche (lei è insieme testimone e imputata) e etiche, considerando anche la sua professione. La questione si risolve in extremis: il parere non è vincolante e quindi Santoro può partire. Ospiti nello studio Maurizio Belpietro, Nicola Porro, Maria Latella, Norma Rangeri, Michele Emiliano. Nella prima parte va in onda il racconto di Barbara Montereale, la 23enne pugliese nota per aver frequentato Palazzo Grazioli e Villa Certosa in compagnia della D'Addario.

Arriva il pezzo forte: Patrizia D'Addario in collegamento da Bari. Vestita completamente di nero non si lascia in alcun modo intimidire dalle tante domande. Lei conferma di essere stata due volte a Palazzo Grazioli? «Confermo tutto. Anche di non essere stata l'unica escort presente in entrambe le serate». La Montereale - le ricorda Santoro - riferisce che quando è tornata dalla residenza del premier era particolarmente felice. «Ero felice - spiega - soprattutto per un motivo. Berlusconi si era interessato alla mia persona e aveva promesso di mandare due persone sul mio cantiere». Naturalmente non entra nel merito della notte trascorsa con il Presidente anche se - osserva - «lo si può evincere dalla telefonata dal giorno dopo».

 «Lui - aggiunge - con me era affettuoso e gentile». Il punto da chiarire riguarda il registratore che la D'Addario si portava dietro in questi incontri: «Ho sempre usato un registratore dopo aver subito un grave episodio di violenza che tutti conoscono. Ma non ho mai ricattato nessuno e non ho chiesto io di candidarmi. Nè mi sento di aver tradito Berlusconi anche perchè al cantiere non è arrivato nessuno». Belpietro reagisce: «Non l'hai tradito? Lo hai solo sputtanato in mondovisione».

La puntata prosegue con i racconti dell«'harem», una ventina di ragazze che cantavano e ballavano nelle residenze del premier. È il momento di affrontare la questione politica. Berlusconi sapeva che lei era una escort? «Sì», risponde sicura la D'Addario. «Mi ero presentata - dice - come Alessia. In ogni caso tutti sapevano».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725