Sabato 01 Ottobre 2022 | 17:00

In Puglia e Basilicata

A Bari primo "ciak" del film «Sposerò Nichi Vendola!»

A Bari primo "ciak" del film «Sposerò Nichi Vendola!»
di NICOLA MORISCO
La condizione femminile nel Sud e la politica: nuovo lavoro del giovane regista barese Andrea Costantino, prodotto dalla A.C. Produzione Video e finanziato dal Ministero della Cultura per l’interesse culturale. Uno spaccato di vita familiare che, non solo svela parte della nostra storia nazionale, ma mette a confronto tre generazioni e i loro conflitti

30 Settembre 2009

Un cortometraggio sulla passione, sull’amore, sulla famiglia e sul riscatto femminile. Anche se il titolo può sembrare fuorviante Sposerò Nichi Vendola , il nuovo lavoro del giovane regista barese Andrea Costantino, prodotto dalla A.C. Produzione Video e finanziato dal Ministero della Cultura per l’interesse culturale, affronta questi temi partendo proprio dal 2005, anno in cui venne eletto presidente della Regione Puglia Nichi Vendola. 

«Che sia piaciuto o no, quattro anni fa in Puglia è accaduto qualcosa di inaspettato – precisa Costantino da ieri impegnato sul set allestito sul Lungomare di Bari-. Vendola, infatti, non era il predestinato a vincere le primarie e tantomeno a vincere le elezioni. Attraverso la sua esperienza, in questo corto voglio analizzare questo momento storico: cosa sta accadendo nella comunicazione politica in tutta Italia». 

Protagonisti della vicenda sono gli attori Anita Zagaria e i pugliesi Paolo De Vita, Teodosio Barresi e Giustina Buonomo. La storia è ambientata nella Bari di oggi, ripercorre i fatti della storia d’Italia dal ventennio fascista al VaffaDay di Beppe Grillo, dalla propaganda di piazza alla crisi economica. 

«Nel cortometraggio – prosegue Costantino - viene citato anche un personaggio carismatico come Grillo che con le sue proposte (l’elezione diretta del candidato, due mandati e poi a casa e l’ineleggibilità dei condannati) ha scosso l’opinione pubblica: peccato che le sue proposte si siano arenate in un cassetto. Ritengo che questa sia la vera politica: scendere in piazza e firmare una petizione. Mi sembra assurdo che queste iniziative siano proposte da un comico». 

Sposerò Nichi Vendola quindi è uno spaccato di vita familiare che, non solo svela parte della nostra storia nazionale, ma mette a confronto tre generazioni e i loro conflitti. «La comunicazione della politica - conclude Costantino - a volte risulta vuota. Nichi Vendola è una persona che sa farsi ascoltare anche senza campagna elettorale».
di NICOLA MORISCO
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

FOGGIA

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725