Giovedì 18 Agosto 2022 | 21:34

In Puglia e Basilicata

Il Petruzzelli riapre  dopo il rogo  ma senza Berlusconi

Il Petruzzelli riapre  dopo il rogo  ma senza Berlusconi
Alla cerimonia del 4 ottobre, riservata unicamente alle autorità, presenzieranno per il governo Gianni Letta e Raffaele Fitto. Il 5 ottobre replica. A dirigere il concerto sarà il maestro barese Fabio Mastrangelo, direttore stabile del teatro russo di Ekaterinburg 
• 111 anni di storia del teatro tra grandi opere e tanti veleni

26 Settembre 2009

BARI - Per la seconda volta nel giro di poche settimane, Silvio Berlusconi mancherà l’appuntamento con Bari. Alla Fiera del Levante, il 12 settembre scorso, erano stati i funerali del vecchio amico Mike Bongiorno a tenere il premier lontano da Bari mentre sarà una serie di non meglio precisati impegni ad impedire al primo ministro di presenziare alla riapertura del nuovo teatro Petruzzelli, domenica 4 ottobre, con la Nona sinfonia di Beethoven, quella dell’«inno alla gioia» che è inno ufficiale dell’Unione europea. Mentre è accaduto assai di rado di dover registrare l’assenza del capo del governo alla cerimonia inaugurale della campionaria barese, che tradizionalmente apre la stagione politica autunnale, non è sancito da alcuna regola l’obbligo a presenziare alla riapertura dei teatri restaurati. Se non fosse che era stato lo stesso Berlusconi ad esprimere il desiderio di presenziare alla cerimonia, sobria ma pur sempre importante per una delle capitali del Sud. 

Da allora, molta acqua è passata sotto i ponti e molte feste sono state consumate tra villa Certosa, in Sardegna, e palazzo Grazioli, residenza romana del primo ministro. Da Bari, tanta gente sembra aver fatto i lunghi tragitti che portano sino alla Costa Smeralda ed al centro della capitale e questi originali «viaggi della speranza» sono finiti al centro di un polverone mediatico ed investigativo non di poco conto. E se il rischio di incontrare il buon amico Gianpi Tarantini è in questo momento assolutamente nullo (l’imprenditore è ai domiciliari nella sua casa di Roma), ben più consistente è quello di incappare in Patrizia D’Addario, la grande registratrice, che se ne va regolarmente (come ha pienamente diritto) a spasso per la città. Scherzi a parte, è evidente che Berlusconi non abbia troppa voglia in questo momento storico di accostare (o riaccostare) il suo nome a quello di Bari, visto che tra l’altro nell’ultima visita pre-elettorale a fine maggio, riuscì persino ad inneggiare alla promozione in serie A del Napoli, cosa che fece imbufalire non poco i tifosi baresi appena risorti. Comunque, a rappresentare il governo sarà il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, gran mediatore in questa come in molte altre vicende della scena politica italiana degli ultimi anni, ed il ministro Raffaele Fitto, l’unico pugliese della compagine. 

Una serata (o forse un tardo pomeriggio, tipo intorno alle 19, un orario molto più consono alle tradizioni teatrali domenicali) alla quale potranno accedere solo ospiti istituzionali, senza cioè alcun biglietto in vendita. Un particolare non molto gradito al sindaco Michele Emiliano, che è riuscito però a spuntare una replica il giorno successivo per i 1200 cittadini baresi a suo tempo sorteggiati per partecipare all’inaugurazione poi «slittata» il 6 dicembre dello scorso anno e per tutte le maestranze (dai professionisti ai tenici, dagli operai ai decoratori) che hanno ricostruito materialmente il grande politeama di corso Cavour. Il maestro Fabio Mastrangelo, il giovane musicista barese che è direttore stabile del prestigioso teatro russo di Ekaternburg (vive a San Pietroburgo perché è sposato con una violinista russa) sul podio. Davanti a lui l’orchestra sinfonica della Provincia di Bari, il coro della Fondazione Petruzzelli, e quattro cantanti del calibro di Veronica Dzhioeva, Sara Allegretta, Stig Andersene Günther Groissböck. [f.c.]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725