Venerdì 14 Dicembre 2018 | 01:24

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione del Comune
Da Orsara di Puglia un riconoscimento all'ex brigatista Curcio: è polemica

Da Orsara un riconoscimento all'ex brigatista Curcio: dopo polemica evento annullato

 
Università
Intelligenza artificiale e Big Data al Politecnico di Bari: progetto pilota con Microsoft

Intelligenza artificiale e Big Data al Politecnico di Bari: progetto pilota con Microsoft

 
Occupazione
Bari, protesta dei lavoratori Cara: rischio tagli del 50% sulle pulizie

Bari, protesta dei lavoratori Cara: rischio tagli del 50% sulle pulizie

 
SERIE D
Ardito gioca Brescia-Lecce: «Una partita da tripla»

Ardito gioca Brescia-Lecce: «Una partita da tripla»

 
Nel Leccese
Scorrano: ecco il presepe monumentale di sabbia

Scorrano: ecco il presepe monumentale di sabbia

 
Il caso
Bari, bimbo morto per polmonite in ospedale: oggi l'autopsia

Bari, bimbo morto in ospedale: l'autopsia conferma il decesso per polmonite

 
Il caso
Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

 
Serie B
Il Foggia cerca allenatore, Delneri è out, ipotesi Delio Rossi

Il Foggia cerca allenatore, Delneri è out, ipotesi Delio Rossi

 
Sulla SS 16
Travolto da furgone mentre è fermo nella piazzola di sosta: un morto nel Brindisino

Travolto da furgone mentre è fermo nella piazzola di sosta: un morto nel Brindisino

 
Dalla digos
Terrorismo: fermato somalo a Bari per pericolo di fuga

Terrorismo: fermato somalo a Bari per pericolo di fuga

 
Trasporti
Fal: da lunedì 17 riapre la tratta Altamura-Matera

Fal: da lunedì 17 riapre la tratta Altamura-Matera

 

Manfredonia: auto esplode in centro Forse attentato

Due fratelli di un uomo ucciso lo scorso aprile a Siponto (Fg), sono scampati all’esplosione della loro auto, avvenuta in viale Di Vittorio, nel pieno centro di poco dopo le 16,30. Per cause in corso d’accertamento della Polizia, che non escluse l’ipotesi di un attentato dinamitardo, la vettura sulla quale si trovavano Ivan e Mario Luciano Romito, una lussuosa Audi A/4, si è incendiata dopo un terribile scoppio verificatosi nel vano motore
Manfredonia: auto esplode in centro Forse attentato
MANFREDONIA – Due fratelli di un uomo ucciso lo scorso aprile a Siponto (Fg), sono scampati all’esplosione della loro auto, avvenuta in viale Di Vittorio, nel pieno centro di Manfredonia (Fg), poco dopo le 16,30. Per cause in corso d’accertamento della Polizia, che non escluse l’ipotesi di un attentato dinamitardo, la vettura sulla quale si trovavano Ivan e Mario Luciano Romito, una lussuosa Audi A/4, si è incendiata dopo un terribile scoppio verificatosi nel vano motore. Nessuno dei passanti che in quel momento si trovava per strada, è rimasto ferito, così come i due fratelli, usciti praticamente illesi dall’auto. La famiglia Romito è stata più volte al centro di fatti di cronaca, in particolare nell’ambito della cosiddetta «faida» del Gargano, costata in trent'anni decine di vittime. 


Che potrebbe essere un attentato si sa da prime indiscrezioni. Si tratterebbe di un tentato omicidio contro i fratelli di Franco Romito, ucciso a Siponto il 21 aprile scorso assieme al suo autista. Sull'accaduto stanno indagando gli agenti del commissariato di Polizia di Manfredonia e della Squadra Mobile di Foggia che stanno verificando tutte le ipotesi, anche quella di una esplosione accidentale del mezzo, anche se questa appare abbastanza inverosimile. 

I due fratelli Romito sono usciti dal mezzo illesi, anche se con tanta paura. L’automobile è stata sequestrata e sarà sottoposta agli esami degli artificieri per verificare quale tipo di esplosivo è stato utilizzato e se l'obiettivo era solo un avvertimento o c'era l’intenzione di uccidere. Ivan Romito di 27 anni è un calciatore e negli anni scorsi ha giocato nel Manfredonia e nell’Andria. Mario Luciano Romito, invece, è stato coinvolto nel blitz contro la faida del Gargano portato a termine dai carabinieri nel luglio del 23 giugno del 2004, ma assolto da tutte le accuse due anni dopo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400