Lunedì 08 Agosto 2022 | 12:36

In Puglia e Basilicata

Apre la Campionaria senza il premier e con qualche polemica

Apre la Campionaria senza il premier e con qualche polemica
Inaugurata ufficialmente la 73^ edizione della Fiera del Levante a Bari, con qualche compleanno in più, compie infatti 80 anni, alla presenza del ministro Scajola invece del premier Berlusconi. «Una straordinaria vetrina - come l'ha definita il ministro - che promuove l'immagine dell'Italia nel mondo e nel Mediterraneo». Ma l'assenza del premier ha sollevato qualche polemica.
- Il discorso integrale di Scajola
• Vendola: «la Puglia non questua»
• Il saluto del sindaco: Bari non è la città descritta in questi giorni
• Lacirignola: la Fiera mira al cambiamento
• Le reazioni di Fitto, Emiliano, Vendola, Coppola, Matarrese e Viesti
• Precari della scuola in protesta dinanzi alla Fiera del Levante
• IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA
• Il no di Berlusconi per «l'effetto D'Addario?»

12 Settembre 2009

BARI - Un Sud protagonista sul palco ma sicuramente assente, con i suoi maggiori rappresentanti  economici e politici, nelle fila del pubblico, e sullo sfondo  tante polemiche. Così si è svolta la cerimonia di  inaugurazione della 73/a edizione della Fiera del Levante di  Bari alla quale non ha partecipato (è la terza volta che accade  nella lunga storia della campionaria) il presidente del  Consiglio. Silvio Berlusconi, infatti, nelle stesse ore era a  Milano ai funerali dell’amico-presentatore Mike Bongiorno.   

Una assenza, quella del premier, sicuramente 'giustificatà, ha  tenuto a precisare il ministro Claudio Scajola che è  intervenuto alla cerimonia a nome del governo. E le polemiche  sull'assenza del premier – ha aggiunto – “sono del tutto  infondate”; “fuori luogo”, ha detto parlando con i  giornalisti il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele  Fitto.

Ma è stata una assenza, quella di Berlusconi, che secondo  molti, come il sindaco di Bari, Michele Emiliano, “è stata  più rumorosa di una presenza”. Soprattutto – ha fatto notare  il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola – “per il  momento che stiamo vivendo, perchè siamo dentro questa crisi,  perchè era importante oggi capire quanto pesa il Mezzogiorno  d’Italia nelle politiche del futuro”.

Sullo sfondo a tutta la manifestazione, decisamente sottotono  rispetto alle altre, i chiacchiericci sulle note vicende  giudiziarie sulla gestione della sanità in Puglia. Indagini che  stanno coinvolgendo politici di centrodestra e di centrosinistra  e anche lo stesso Berlusconi con la vicenda delle escort.  Qualche accenno alla vicenda è arrivato prima da Emiliano che  ha invitato tutti, anche i giornalisti, “ad una pacificazione  nazionale”, e poi da Vendola il quale ha detto che “nel  rapporto tra pubblico e privato si colloca spesso lo spazio di  molteplici opacità e ambiguità”. E ha poi incalzato  sostenendo che la “questione morale non deve essere usata come  una clava”.

Da parte di Scajola, solo un cenno: “Non ci faremo distrarre  - ha detto – dalle campagne di stampa che mettono in discussione  il grandissimo impegno del presidente Berlusconi nella lotta  contro la mafia”. “Noi – ha precisato invece Fitto al termine  della cerimonia – non abbiamo mai utilizzato come clave le  vicende giudiziarie, non siamo mai stati attori coprotagonisti o  anticipatori di vicende giudiziarie”.

Alla fine della cerimonia le polemiche non si sono assopite,  anzi. “Il mio giudizio sull'azione del governo locale in Puglia  è di totale fallimento”, ha detto Fitto. E Vendola – ha  aggiunto – “racconta di una Puglia surreale”. Bordate anche da  Vendola e Emiliano su Scajola: il suo – ha detto il primo – “è  stato un discorso propagandistico”; “inaccettabile e un pò  provocatorio”, ha detto il secondo. Pomo della discordia,  ancora una volta: risorse comunitarie e fondi Fas per le aree  sotto-utilizzate, che il Mezzogiorno aspetta da tempo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725