Mercoledì 17 Agosto 2022 | 07:09

In Puglia e Basilicata

Anas: finiti i lavori sulla SS7 tra Grottaglie e Brindisi

Anas: finiti i lavori sulla SS7 tra Grottaglie e Brindisi
Il Presidente dell’Anas Pietro Ciucci: «La Puglia, con una rete stradale e autostradale di 1.569 km, di cui 573 km a doppia carreggiata e 996 km a singola carreggiata, è una delle regioni nelle quali l'Anas, su indirizzo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha in corso maggiori investimenti in corso o programmati, dedicati sia alle nuove costruzioni che alle attività di esercizio e di manutenzione, per circa 1,8 miliardi»

11 Settembre 2009

BRINDISI - «La Puglia, con una rete stradale e autostradale di 1.569 km, di cui 573 km a doppia carreggiata e 996 km a singola carreggiata, è una delle regioni nelle quali l'Anas, su indirizzo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha in corso maggiori investimenti in corso o programmati, dedicati sia alle nuove costruzioni che alle attività di esercizio e di manutenzione, per circa 1,8 miliardi di euro». È quanto ha affermato il Presidente dell’Anas Pietro Ciucci, in occasione dell’inaugurazione e dell’apertura al traffico del nuovo ed ultimo tratto di ammodernamento del tronco «Grottaglie-Brindisi» della strada statale 7 «Appia». 

«In Puglia – ha ricordato Ciucci – la domanda di traffico è in costante ascesa, in forza soprattutto dello sviluppo socio-economico dell’intero territorio regionale, considerato altresì il ruolo fondamentale di frontiera cui la Puglia deve assolvere». L’opera di ammodernamento delle infrastrutture stradali pugliesi si sta sviluppando con priorità sulle sdirettrici: la Bari-Cerignola-Foggia, che serve per migliorare i collegamenti tra il capoluogo di regione, compreso il suo aeroporto e una area industriale di particolare rilevanza; Bari-Brindisi-Lecce-Maglie, con diramazioni verso S. Maria di Leuca e Otranto, che rappresenta una fondamentale dorsale di collegamento nord-sud, considerata l’assenza di una viabilità autostradale lungo tale itinerario; Bari-Altamura-Matera, che serve a creare un asse di collegamento diretto tra Puglia e Basilicata; la Bari-Taranto, che serve a collegare meglio i porti di Bari e Taranto e l’area tarantina con l’aeroporto di Bari.

Nell’ultimo biennio l’Anas ha ultimato lavori in questa regione per circa 128 milioni di euro, aprendo al traffico – oltre all’ultimo tratto della Strada Statale 7 «Appia» – anche la Variante di Cerignola e il raddoppio della Tangenziale ovest di Lecce.Attualmente in Puglia l’Anas ha investimenti in corso per circa 340 milioni di euro e opere di prossimo avvio per circa 503 milioni di euro. Per quanto attiene la direttrice Bari-Cerignola-Foggia, sono in avanzata fase di esecuzione tre lotti della Foggia-Cerignola, per un importo complessivo di circa 100 milioni di euro, con previsione di ultimazione e apertura al traffico dell’intero tratto di 27 km entro il primo trimestre del 2010. La direttrice Bari-Altamura-Matera comprende gli interventi relativi al 1° e 2° lotto del tronco Altamura-Matera (importo complessivo pari a circa 42 milioni di euro). Per il 1° lotto si è proceduto a revocare il contratto affidato e sono in avvio le procedure per riappaltare i lavori. Per il 2° lotto i lavori sono in corso e si prevede di ultimarli entro giugno 2010.

C'è poi il tratto Altamura-Variante di Toritto, suddiviso in due stralci: il 1° stralcio (del valore di circa 44 milioni di euro), che è stato aggiudicato e per il quale è prossimo l’avvio delle opere; il 2° stralcio, che figura tra i lavori programmati e sarà oggetto di appalto integrato nel prossimo anno; nonchè la variante Toritto-Modugno (dell’importo di circa 80 milioni di euro), il cui progetto definitivo, modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel decreto Via, è in corso di adeguamento alle prescrizioni di Conferenza di servizi. L’appalto dell’opera, già inserito nella programmazione Anas-Regione-Ministero Infrastrutture, è previsto nel prossimo anno compatibilmente con le risorse stanziate dal Governo.

La direttrice Bari-Brindisi-Lecce-Maglie, con diramazioni verso S. Maria di Leuca ed Otranto, comprende il raddoppio della Tangenziale ovest di Lecce, già ultimato ed aperto al traffico, e l'ampliamento dei tratti Maglie-Otranto della strada statale 16 e Maglie-S. Maria di Leuca della strada statale 275, che valgono assieme circa 360 milioni di euro. I lavori di realizzazione della Maglie-Otranto sulla strada statale 16 «Adriatica» (oltre 80 milioni di euro) sono stati recentemente aggiudicati mediante appalto integrato, mentre per la Maglie-S. Maria di Leuca (circa 288 milioni di euro) recentemente è stato approvato e finanziato il progetto definitivo da parte del CIPE e si sta avviando la fase di appalto. 

Per quanto attiene la direttrice Bari-Taranto, sono i previsti i lavori di completamento funzionale e di messa in sicurezza del tratto tra il km 7,2 e il km 44,5 del tronco Bari-Taranto della strada statale 100 «di Gioia del Colle», del valore di 37 milioni di euro. Tra i lavori in corso, vanno poi segnalati gli interventi diretti al miglioramento dei collegamenti della rete delle strade statali con la A14 Bologna-Taranto: in particolare la costruzione dell’asta di raccordo tra la strada statale 7 «Appia» e l’autostrada A14, del valore di oltre 18 milioni di euro, che migliorerà il collegamento della Provincia di Taranto con la rete autostradale; e l’intervento di ammodernamento del collegamento della strada statale 106 dir e del casello autostradale di Taranto con Palagiano, dell’importo di circa 24 milioni di euro, che migliorerà la connessione del porto di Taranto con la A14 Bologna-Taranto, per il quale la società appaltatrice sta avviando le operazioni di cantiere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725