Giovedì 18 Agosto 2022 | 04:09

In Puglia e Basilicata

La D'Addario sfida Berlusconi a un confronto pubblico

La D'Addario sfida Berlusconi a un confronto pubblico
Dopo che il premier, durante una conferenza stampa internazionale, «ha fatto riferimento ad una donna che "ha attentato" alla sua persona "per creare artatamente uno scandalo", minacciando una azione legale», in una nota inviata dall'ufficio della sua legale, Maria Pia Vigilante, l'escort barese invita Silvio Berlusconi ad un confronto pubblico. La D'Addario ha sostenuto di essere stata assoldata (a pagamento) per intrattenere il premier, nonché di aver fatto sesso con lui a palazzo Grazioli
• Berlusconi: veline o escort assolute calunnie

10 Settembre 2009

BARI - «Durante la conferenza stampa con Zapatero, il Presidente del Consiglio, rispondendo ad una domanda del giornalista di El Pais, Miguel Mora, ha fatto riferimento ad una donna che "ha attentato" alla Sua persona "per creare artatamente uno scandalo", minacciando una azione legale che dovrebbe portare ad una condanna per dei reati posti in essere ad una pena edittale di diciotto anni. Il tutto senza alcuna precisazione sui presunti reati compiuti. Qualora si riferisca a me, così come sostenuto dalla stampa, invito il Premier, Silvio Berlusconi, ad un confronto pubblico sia sulle nostre vicende specifiche sia più in generale sui rapporti uomo-donna, sulla tecniche di conquista, sul sesso ed il potere». È quanto si legge in una nota di Patrizia D’Addario inviato dall’ufficio della sua legale, Maria Pia Vigilante, che l’assiste a Bari.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725