Giovedì 11 Agosto 2022 | 07:38

In Puglia e Basilicata

Brindisi, sfiorato scontro in volo tra Boeing e ricognitore

Brindisi, sfiorato scontro in volo tra Boeing e ricognitore
L'edizione della ''Gazzetta'' di Brindisi rivela in esclusiva la ricostruzione di una collisione sfiorata tra un aereo di linea della compagnia Blu Panorama (in volo da Roma a Brindisi con 80 passeggeri a bordo) e un ricognitore della Guardia costiera. La tragedia è stata sventata due sere fa sull'aeroporto di Brindisi quando i due velivoli si sono avvicinati troppo l’uno all’altro. E gia' si profilano polemiche.

05 Settembre 2009

di Antonio Negro
BRINDISI - Un Boeing 737 della compagnia Blu Panorama, proveniente da Roma-Fiumicino con circa un’ottantina di passeggeri a bordo, ha dovuto compiere una brusca manovra di emergenza per evitare di scontrarsi con un altro velivolo che viaggiava sulla stessa rotta, ad appena 100 metri di distanza. E tutto ciò mentre l’aereo di linea si trovava già in lungo finale, ossia già allineato rispetto alla pista di Brindisi per poter dar corso alla manovra di atterraggio.

    Solo l’abilità del pilota del Boeing, supportata dall’efficienza degli strumenti di bordo, ha consentito di scongiurare il peggio. Provvidenziale è stato il dispo
sitivo di bordo noto con la sigla Cas (Sistema anticollisione aerea), in dotazione a tutti i Boeing, che ha segnalato al pilota la presenza di un altro aeroplano sulla sua rotta. Il comandante, a quel punto, ha ridato immediatamente gas ai motori riprendendo quota e portandosi fuori dalla rotta di collisione.
 
    L’altro aereo era un ricognitore della Guardia costiera, della cui presenza, all’interno dell’area di avvicinamento all’Aeroporto del Salento, il controllore di volo che assisteva il Boeing dalla torre di controllo brindisina era completamente all’oscuro. Ed è proprio
questo particolare tutt’altro che secondario, sebbene al momento inspiegabile, che dovrà essere chiarito attraverso gli accertamenti interni avviati dagli enti preposti alla sicurezza della navigazione aerea.
 
 Per ora gli unici particolari di rilievo che si conoscono sull’episodio riguardano le modalità con cui il Boeing veniva assistito dal controllore di volo di turno a Brindisi, al momento dell’emergenza. Quell’aereo di linea infatti - per una serie circostanze che investono anche la sfera sindacale  veniva assistito nella fase di atterraggio con una procedura diversa da quella attuata solitamente attraverso il monitoraggio radar, che consente al controllore di volo non solo il contatto radio con gli
aerei in avvicinamento ma anche la loro visualizzaione in tempo reale su uno schermo. Il velivolo della Blu Panorama, infatti, l’altra sera era assistito secondo un tecnica che nel gergo dei controllori è noto come «controllo procedurale», fondato fondamentalmente sul contatto radio tra gli aerei in avvicinamento ed il controllore a terra: costui fornisce ai piloti indicazioni sulle manovre da compiere per l’atterraggio, sulla base dei dati che i piloti stessi comunicano alla torre di controllo circa la loro posizione. Comunicazioni e dati di cui, evidentemente, i controllori devono fidarsi non avendo la possibilità di verificarli attraverso il riscontro dello schermo radar quando tale sistema è spento.

    Naturalmente tutto ciò non significa che la causa della mancata
collisione dell’altra sera sui cieli di Brindisi sia necessariamente imputabile al «controllo procedurale», che è comunque una prassi legittimata ed adottata al livello internazionale quando le condizioni operative non consentono di fare altrimenti. E sono certamente tante le variabili che possono aver influito sulla vicenda dell’altra sera anche se è a dir poco sconfortante che in un aeroporto come quello di Brindisi - in alcune giornate (per lo più nei week-end) e in determinate fasce orarie dei giorni feriali - il servizio radar destinato a rendere più sicure queste operazioni sia inattivo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725