Mercoledì 10 Agosto 2022 | 07:11

In Puglia e Basilicata

«Segretario d'oro» alla CdC di Taranto guadagna 365mila€

«Segretario d'oro» alla CdC di Taranto guadagna 365mila€
TARANTO - Arrivano su Internet e sono pubblicate sul sito della Camera di Commercio le retribuzioni del segretario generale della CdC tarantina, De Benedictis, e dei suoi tre vice: De Giorgio (vicario), Sanesi e Greco. La pubblicizzazione dei compensi rientra nell’iniziativa traspatenza varata da tempo dal ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta. Con i suoi 364mila euro annui, De Benedictis dovrebbe essere fra i segretari generali di Camera di Commercio più pagati d’Italia se non proprio il più pagato d’Italia. Distanziato il suo vicario con 129mila euro annui. De Benedictis èper un breve periodo è stato anche assessore comunale.
CdC di Taranto: lo stipendio del segretario e dei suoi tre vice
CdC di Bari: 250mila euro l'anno al segretario generale
Gli stipendi della Provincia di Bari
L'ex assessore Ostillio nominato consulente della Regione (60mila euro)

04 Settembre 2009

TARANTO - Non si sa se sia il segretario generale di Camera di Commercio più pagato d’Italia ma di sicuro Nicola De Benedictis, tarantino, da molti anni nell’ente camerale, svetta nella classifica delle retribuzioni con i suoi 364mila euro. A Bari, invece, il segretario generale della CdC prende 251mila euro. E se a Bari è già scoppiato un caso per questa retribuzione altissima, altrettanto potrebbe accadere anche a Taranto. 

A rendere pubbliche le retribuzioni dei dirigenti camerali è il ministero della Funzione pubblica guidato da Renato Brunetta che ha di fatto imposto che tutte le retribuzioni dei manager pubblici siano... pubbliche, ovvero on line, disponibili sui siti Internet delle rispettive amministrazioni e quindi accessibili a tutti. E quella di De Benedictis lo è, insieme a quella di altri 4 dirigenti camerali, sul sito della Camera di Commercio di Taranto. Molto apprezzata dai cittadini, l’iniziativa di Brunetta di rendere trasparenti i compensi di coloro che sono nella pubblica amministrazione o che con essa hanno rapporti di consulenza va dunque avanti. C’è di tutto: da chi lavora nei ministeri per finire a chi ha svolto supplenze nella scuola.


De Benedictis è un segretario generale di lungo corso. Nella struttura ha percorso praticamente tutti i gradini sino ad arrivare ad una postazione di vertice quale quella del segretario generale. Ma a parte gli anni di lavoro nella CdC, va anche detto che De Benedictis è anche uno dei segretari generali più noti nel sistema camerale.


Nel suo curriculum, accompagnato alla super-retribuzione, si ricordano la laurea, l’abilitazione a dottore commercialista, il ruolo di revisore di conti e persino di giornalista pubblicista. Sul sito si sottolinea che De Benedictis è stato consulente tecnico d’ufficio presso il tribunale di Taranto per la contabilità pubblica, e giudice in varie commissioni tributarie. Tra l’altro nel 1993 è risultato primo classificato nel premio per l’innovazione nela pubblica amministrazione.


Non a caso la Camera tarantina ha ricevuto negli anni diversi premi e attestati per quanto fatto in termini di snellimento della burocrazia, velocizzazione delle pratiche ed informatizzazione delle attività.

Ma come si arriva al mega-stipendio? La paga base di Nicola De Benedictis è di appena 40.129,98 euro, spiccioli insomma. Il salto avviene con la parte fissa che gli deriva dalla posizione: 271.664 euro tondi. 

E come non bastassero, allo stipendio del segretario generale si aggiunge anche la cosiddetta «retribuzione di risultato», pari nel suo caso a 52.462,19 euro. Ecco raggiunto un totale annuo di 364.256,17 euro, che fanno poco più di 30mila euro al mese (lordi). Non male per la Camera di commercio del capoluogo del dissesto finanziario e che da mesi è commissariata: prima dal prefetto Tommaso Blonda e oggi da Roberto Falcone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725