Martedì 09 Agosto 2022 | 22:05

In Puglia e Basilicata

Il cacioricotta caprino di Orsara tra i prodotti tradizionali pugliesi

Il cacioricotta caprino di Orsara tra i prodotti tradizionali pugliesi
La decisione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali è stata ufficializzata con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Il cacioricotta di Orsara di Puglia, formaggio fresco e stagionale, ha diverse peculiarità che lo rendono unico. Il latte necessario alla sua produzione è ricavato dal più grande allevamento caprino della provincia di Foggia

17 Agosto 2009

FOGGIA - Il cacioricotta caprino di Orsara è stato inserito nell’elenco dei prodotti tradizionali pugliesi. La decisione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali è stata ufficializzata con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. 

Il cacioricotta di Orsara di Puglia, formaggio fresco e stagionale, ha diverse peculiarità che lo rendono unico. Il latte necessario alla sua produzione è ricavato dal più grande allevamento caprino della provincia di Foggia. A Orsara, infatti, il Consorzio Allevatori alleva 1.200 capre e produce il cacioricotta, un formaggio tenero, con proprietà organolettiche di eccezionale rilievo per un’alimentazione sana e corretta. Lo si può gustare meglio col pane, può fungere da antipasto o anche da dessert se accompagnato a miele e marmellate, ma è anche un condimento ideale per migliorare gusto ed estetica di un buon piatto di pasta fresca fatta a mano. 

cacio ricotta caprino di Orsara di Puglia sui cavatelliA Maglie, dove recentemente si è tenuto uno degli appuntamenti cui hanno partecipato Slow Food e Cittaslow, si sono poste le basi per un ulteriore riconoscimento con cui premiare questo prodotto tipico orsarese: il cacioricotta, infatti, è destinato a diventare un «presidio Slow Food». 
Il sindaco di Orsara di Puglia, Mario Simonelli, ne ha discusso con il presidente di Slow Food Italia Roberto Burdese davanti alle pietanze che Peppe Zullo ha preparato per la cena di gala dello scorso 3 agosto nella città del Salento. In quell'occasione, lo chef orsarese ha presentato i «Pezzell chi foglie misk», pasta fatta a mano con un misto di verdure spontanee e cacio ricotta di capra. Un presidio Slow Food ha il compito di preservare e di valorizzare i prodotti tipici che fanno di unicità, gusto e salubrità un tratto distintivo, promuovendo la conoscenza dei modi e dei luoghi di produzione, realizzando veri e propri «laboratori» del sapore. 

Diventanto «presidio Slow Food», il cacioricotta caprino è destinato a diventare un «prodotto bandiera» di Orsara di Puglia, un vero e proprio simbolo del cammino che il «paese dell’Orsa» ha cominciato a intraprendere diversi anni fa e che ha avuto una tappa fondamentale nel 2007 con l’ingresso del bordo nel novero di «Cittaslow», la rete delle città del buon vivere attente all’alimentazione Doc.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725