Martedì 09 Agosto 2022 | 21:35

In Puglia e Basilicata

Tra Puglia e Basilicata Ma qual è il nostro  dialetto regionale?

Tra Puglia e Basilicata Ma qual è il nostro  dialetto regionale?
E la provocazione leghista è arrivata puntuale anche quest'anno. Cresce da settimane, prima con l'assurda richiesta di far superare ai prof. meridionali che vogliono insegnare al Nord, un esame di dialetto ed ora si struttura nella pretesa di insegnare il dialetto a scuola... Sì ma quale? Abbiamo provato a tracciare una mappa delle lingue parlate nelle nostre due regioni per scoprire (o sorpresa, o sorpresa) che i dialetti cambiano percorrendo poche decine di chilometri
• LArt. 1 della Costituzione tradotto nei nostri dialetti
• L’arte del Sud spopola in vernacolo
• Professore brindisino scrive al presidente Napolitano: lottiamo per l'italiano

17 Agosto 2009

Ma quale dialetto regionale? Di idiomi locali, solo in Puglia e Basilicata, ce ne sono a decine, e spesso si tratta di «lingue» incomprensibili anche a poche decine di chilometri. Quale fra queste, quindi, dovrebbe essere insegnata nelle scuole come pretende la Lega? I dialetti della Puglia, pur essendo numerosi e molto vari tra loro, vengono inseriti in due grandi gruppi: nel gruppo dei dialetti italiani meridionali e in quello dei dialetti italiani meridionali estremi. Nel primo gruppo rientrano i dialetti foggiano, quello garganico e il barese. Nel secondo gruppo rientra il dialetto salentino (leccese, brindisino e parte del tarantino). 

INCROCIO DI DIALETTI 
L’enciclopedia online Wikipedia spiega che il dialetto barese viene parlato grosso modo in tutta la provincia di Bari e in quella di Barletta-Andria-Trani. A nord ha zone d'influenza nella provincia di Foggia, dove però si parla il dialetto foggiano che può essere visto come un dialetto barese fortemente influenzato dal napoletano. A ovest si diffonde anche nella provincia di Matera il cui dialetto non presenta evidentissime differenze con quello barese, soprattutto nella cadenza melodica, quindi a sud arriva in prossimità della soglia messapica (una linea ideale che va da Taranto ad Ostuni passando per Villa Castelli e Ceglie Messapica), al di sotto della quale si parla il salentino, comprendendo, pertanto, tutti i centri della Valle d'Itria (Martina Franca, Locorotondo e Cisternino). 

Influenze di dialetto barese sono presenti anche nella zona settentrionale della provincia di Potenza, precisamente in alcuni comuni del Vulture (Venosa, Rionero in Vulture, Atella, Melfi) e in quelli della zona ofantina (Lavello, Montemilone). La catalogazione dei dialetti pugliesi include, oltre al tarantino, anche l’ostunese, il cegliese. Nelle zone in cui si parla il dialetto leccese, ci sono poi aree in cui domina il griko (dall’antica Grecìa). L’Unesco ha inserito il salentino nel Libro rosso delle lingue in pericolo. 

I DIALETTI LUCANI - Altrettanto variegata è la situazione degli idiomi in Basilicata. Il potentino si distingue dal materano, poi c’è il metapontino, il marateota e il cilentano. Passando poi per i dialetti con influenza galloitaliaca e a quelli di origine arbereshe. «Il viaggiatore che in uno scompartimento di III classe nel tragitto da Napoli a Taranto presti attenzione alla conversazione dei contadini che salgono ad ogni stazione - scriveva oltre 100 anni fa il viaggiatore e filologo tedesco Gerhard Rohlfs - si renderà subito conto che nel primo tratto la base linguistica è sorprendentemente unitaria. Ma subito dopo la profonda valle del Platano, dalla stazione di Picerno in poi il quadro cambia. E così si continua anche dopo che il treno ha superato le stazioni di Tito e Potenza. Soltanto a partire da Trivigno queste caratteristiche scompaiono e ricompare improvvisamente la situazione linguistica che, appena due ore prima, era scomparsa così improvvisamente e in modo così inspiegabile»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725