Lunedì 03 Ottobre 2022 | 00:53

In Puglia e Basilicata

Il bollettino nazionale

Coronavirus Italia, 270 nuovi contagi e 72 morti. L'Iss: «ancora focolai, epidemia non è conclusa»

Coronavirus Italia, 270 nuovi contagi e 72 morti. L'Iss: «ancora focolai, epidemia non è conclusa»

Anche oggi purtroppo si registrano 72 morti (ieri erano stati 85), mentre sono 1.297 i guariti, quasi in linea rispetto a ierI

06 Giugno 2020

Redazione online

È di 35.877 (-1.099) persone attualmente positivi, 33.846 (+72) decessi e 165.078 (+1.297) guariti, per un totale di 234.801 (+270) casi, il bilancio odierno relativo all’epidemia di Coronavirus in Italia emerso dal consueto bollettino quotidiano diffuso dalla Protezione Civile. Dei 35.877 attualmente positivi, 5.002 (-299) sono ricoverati in ospedale, 293 (-23) necessitano di cure nei reparti di terapia intensiva, mentre 30.801 (-594) si trovano in isolamento domiciliare.

Anche oggi purtroppo si registrano 72 morti (ieri erano stati 85), mentre sono 1.297 i guariti, quasi in linea rispetto a ieri. Continua anche il decremento dei ricoverati in ospedale, -299 oggi, ieri il dato era di -202, e di coloro che necessitano di cure in terapia intensiva, che calano di ulteriori 22 unità (ieri il decremento era stato di -15). Sono 594, invece, le persone in meno che si trovano in isolamento domiciliare rispetto a ieri, quando era stato registrato il dato di -1.229.

 Per quanto riguarda i tamponi, invece, oggi sono stati realizzati 72.485 test: in aumento rispetto ai 65.028 tamponi effettuati ieri e dei 49.953 dell’altro ieri. Dei 270 tamponi positivi rilevati oggi, la maggior parte restano in Lombardia, con 142 nuovi positivi (il 52,5% dei nuovi contagi). Tra le altre regioni più colpite dal coronavirus, l’incremento di casi è di 38 casi in Piemonte, 17 in Emilia Romagna, di 13 in Liguria e di 28 nel Lazio (dove si è registrato un focolaio al San Raffaele Pisana). Zero nuovi contagi in Umbria, Molise, Campania, Basilicata e Calabria.

LE PAROLE DELL'ISS - «In quasi tutta la Penisola sono documentati focolai di trasmissione attivi. Tale riscontro, che in gran parte è dovuto alla intensa attività di screening e indagine dei casi con identificazione e monitoraggio dei contatti stretti, evidenzia tuttavia come l'epidemia in Italia di COVID-19 non sia conclusa». Lo evidenzia il monitoraggio del ministero della Salute-Iss sugli indicatori per la cosiddetta Fase 2 relativi alla settimana tra il 25 e il 31 maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725