Domenica 14 Agosto 2022 | 02:30

In Puglia e Basilicata

Sbronza in spiaggia una 16enne in coma amici tutti ubriachi

Sbronza in spiaggia una 16enne in coma amici tutti ubriachi
PORTO CESAREO - La notte di San Lorenzo rischia di rivelarsi fatale per una ragazzina campana, abbattuta da uno shock etilico. Solo la prontezza di spirito di un bagnino e volontario del 118, Maurizio Dimitri, permette di salvarla da un rischio tremendo: rimanere soffocata dal suo stesso rigurgito. La studentessa è stata ricoverata al “Vito Fazzi” di Lecce per essere disintossicata

12 Agosto 2009

LECCE - La notte di San Lorenzo rischia di rivelarsi fatale per una ragazzina campana, abbattuta da uno shock etilico. Solo la prontezza di spirito di un bagnino e volontario del 118, Maurizio Dimitri, permette di salvarla da un rischio tremendo: rimanere soffocata dal suo stesso rigurgito. Sono le due di notte quando il cellulare dell’uomo squilla: c’è un’emergenza sulla spiaggia di Punta Prosciutto. Dimitri si precipita e la scena è allucinante: la ragazzina, che può avere al massimo 16 anni, è avvolta nella sabbia. Sembra “panata ”: ha sabbia nei capelli, in bocca, nel naso. E’ incosciente e un coetaneo la trascina per i piedi, a faccia in giù, tentando di portarla via dalla spiaggia. 

Intorno alla coppia barcollano, come zombi, una decina di ragazzini della stessa età, tutti mezzi ubriachi. Fanno parte della stessa comitiva e non sanno come affrontare l’emergenza: lei ha bevuto almeno mezzo litro di vodka ed è entrata in una specie di coma etilico. I ragazzi provano a farla rimettere infilandole le dita in bocca ma Dimitri, che è più esperto, stoppa immediatamente il tentativo. In quel modo rischia di essere soffocata da un fiotto di vomito. 

«Mi sono accorto subito che respirava e che aveva il battito - continua il soccorritore - così ho ammonito i ragazzi, l’ho sollevata e trasportata subito nel primo posto raggiungibile, il bar Riva». Lì la ragazzina è stata adagiata su un materassino in attesa dell’arrivo dell’autoambulanza: le richieste sono partite per i 118 di Nardò, Copertino e Manduria ma sul posto è giunto anche il mezzo attrezzato dell’utile pronto soccorso di Torre Lapillo, la “Croce bianca onlus” di Nardò.

Complesse le operazioni di ricostruzione della vicenda perché nessuno era in grado di rintracciare i genitori, napoletani, dei ragazzi coinvolti. Pare che avessero autorizzato i ragazzi a festeggiare per loro conto non pensando certamente che i figli si sarebbero ubriacati in quel modo, fino a rischiare addirittura la vita. 

La studentessa è stata ricoverata al “Vito Fazzi” di Lecce per essere disintossicata. 

Per il resto la notte di San Lorenzo è filata via più o meno liscia: nessun problema sulla costa di Nardò ma molti disagi a Porto Cesareo nella zona dei lidi per traffico congestione della viabilità. Proteste per l’accumulo di rifiuti sulla spiaggia libera tra Le Dune ed il Tabù. Come illustrato ieri mattina nella sede dell’Area marina protetta, la Guardia costiera e i Carabinieri di Porto Cesareo sono stati messi in allarme per i lanci di diversi razzi di soccorso. Una pratica messa in atto per gioco che significa, però, un procurato allarme che può distogliere le forze dell’ordine da interventi importanti. 
[b.v.]
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725