Martedì 09 Agosto 2022 | 04:25

In Puglia e Basilicata

Trovato un ordigno in mare  allarme a Torre Guaceto

Trovato un ordigno in mare  allarme a Torre Guaceto
di ANTONIO NEGRO
L’emergenza è scattata poco dopo mezzogiorno quando, dinanzi ad una caletta a nord della Torre, è stata segnalata la presenza di uno strano oggetto cui è seguita subito la mobilitazione della Capitaneria di porto. Sul posto sono giunte alcune motovedette della Guardia costiera ed i sommozzatori dei Vigili del fuoco i quali, con tutte le cautele del caso, si sono immersi avvicinandosi all’oggetto di forma cilindrica, effettivamente molto simile ad un ordigno bellico, posto a circa un metro e mezzo di profondità e ad appena una trentina di metri dalla battigia

02 Agosto 2009

di ANTONIO NEGRO 

Apprensione per l’individuazione di un ordigno inesploso, ieri pomeriggio, a pochi metri dal litorale di Torre Guaceto che in questi giorni è più che mai gremito di bagnanti provenienti anche da fuori regione. L’emergenza è scattata poco dopo mezzogiorno quando, dinanzi ad una caletta a nord della Torre, è stata segnalata la presenza di uno strano oggetto cui è seguita subito la mobilitazione della Capitaneria di porto. Sul posto sono giunte immediatamente alcune motovedette della Guardia costiera ed i sommozzatori dei Vigili del fuoco i quali, con tutte le cautele del caso, si sono immersi avvicinandosi all’oggetto di forma cilindrica, effettivamente molto simile ad un ordigno bellico, posto a circa un metro e mezzo di profondità e ad appena una trentina di metri dalla battigia. 

Tuttavia gli stessi sommozzatori dei Vigili del fuoco - giunti espressamente da Taranto - hanno verificato che il presunto ordigno era incastrato sul fondo, tra pietre e scogli affioranti. Per questa ragione non si è potuto procedere alla rimozione, con la Capitaneria che ha provveduto ad interdire l’area al transito di qualsiasi natante o bagnante informando, contestualmente la Prefettura della situazione. A quel punto la Prefettura ha interessato la Marina militare, che probabilmente nella stessa giornata di oggi interverrà con una squadra altamente specializzata di artificieri-sommozzatori in forze al reparto «Sdai». 

L’obiet - tivo è individuare la reale tipologia dell’ordigno e sulla base di ciò decidere il dafarsi: farlo brillare o rimuoverlo secondo specifiche modalità. Le operazioni attorno all’area interessata dal rinvenimento, ieri pomeriggio, si sono protratte per oltre 5 ore sotto gli occhi di centinaia di bagnanti incuriositi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725