Martedì 16 Agosto 2022 | 11:16

In Puglia e Basilicata

Tornano i briganti al Parco della Grancia

Tornano i briganti al Parco della Grancia
di ANTONELLA INCISO 
Nella magnifica cornice della foresta della Grancia (12 ettari di terreno, in uno straordinario scenario naturale, nel territorio di Brindisi Montagna, Potenza) torna il cine-musical "La Storia bandita". Si volgerà ogni week-end, fino a settembre. E' uno show bellissimo (oltre 400 gli artisti) e adatto anche ai bambini. Caldamente consigliato a chi ha letto la Storia del Sud su libri scritti da storici del Nord Italia

30 Luglio 2009

POTENZA - Storia, natura e arte che si mescolano in uno spettacolo unico. E' quello che si terrà tutti i week end d’aestate sino al prossimo mese di settembre nel Parco della Grancia, il primo parco storico-rurale e ambientale d'Italia con il cine spettacolo «La storia bandita». Lo spettacolo che va avanti da ormai sette anni ritornerà nuovamente a conquistare appassionati e semplici curiosi, chiamati a scoprire un'epoca nuova con tutti i suoi personaggi. Al centro della manifestazione il racconto delle rivolte contadine meridionali, vissute attraverso le vicende tragiche della famiglia Crocco e soprattutto l'incontro-scontro tra la modernizzazione imposta con le armi e la tradizione che si aveva nel Sud ottocentesco. 

Passo dopo passo la rivoluzione napoletana, la lunga marcia del Cardinale Ruffo, il risorgimento e il brigantaggio post-unitario vengono osservati dalla parte dei conquistati, di quei ceti contadini che cercavano solo il riscatto. 

«La Storia Bandita - precisano, infatti, gli organizzatori -è una trasposizione in chiave lirica ed epica del desiderio di riscatto di un popolo, un inno alla libertà contro l'arroganza e gli abusi del potere». Ma ora con il cine spettacolo riemergono della memoria anche le ragioni, le aspettative e i desideri dei briganti. 

Protagonista indiscusso della storia il brigante Carmine Donatelli Crocco che - scena dopo scena - ricostruisce la sua vicenda umana e la rivolta sociale a cui diede vita. Una rivolta frutto, soprattutto della voglia di libertà e di dignità a cui aspiravano i ceti più poveri, delusi e frustati da troppe false promesse. 

Ad animare lo spettacolo oltre 400 volontari che si muovono attraverso le diverse scenografie coadiuvati da straordinari effetti speciali. Tra le figure degne di nota, invece, oltre ai briganti la rappresentazione del mito del monaciello, spirito folletto particolarmente presente nell'immaginario contadino attraverso il teatro dei burattini. Ad accogliere il visitatore soldati e briganti in un clima festoso e coinvolgente. Insomma, oltre un'ora di divertimento e di emozione in cui attori, danzatori, cavalieri, aiutati da musiche, luci, grandi immagini e suggestivi effetti pirotecnici, danno vita ad uno spettacolo unico nel suo genere. 

Una manifestazione che dopo anni ed anni conserva intatto il suo fascino e la sua bellezza. Grazie anche alla magnifica cornice dove si svolge: la foresta della Grancia, 12 ettari di terreno, in uno straordinario scenario naturale, nel territorio di Brindisi Montagna.
di ANTONELLA INCISO
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725