Giovedì 14 Novembre 2019 | 12:41

NEWS DALLA SEZIONE

Il gasdotto
Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

 
L'attacco
Il marittimo di Molfetta sparato in Messico sta bene: presto abbraccerà i familiari

Il marittimo di Molfetta ferito in Messico sta bene: presto abbraccerà i familiari

 
La decisione
Medicina, borse di studio e incentivi economici per chi frequenta a Taranto

Medicina, borse di studio e incentivi economici per chi frequenta a Taranto

 
L'inchiesta
Scuola, allerta radon a Santeramo, Gioia del Colle e a Taranto

Scuola, allerta radon a Santeramo, Gioia del Colle e a Taranto

 
In ospedale
Shock a Manfredonia, arrestato medico: accusato di violenza sessuale su 5 pazienti

Manfredonia, violenza sessuale su 5 pazienti: arrestato dirigente di radiologia

 
Il siderurgico
Arcelor Mittal, scatta il sit in davanti al Mise delle imprese dell'indotto

Arcelor Mittal, scatta il sit in davanti al Mise delle imprese dell'indotto
Emiliano incontra ad Morselli

 
Periferie
Bari, San Girolamo di sangue 10 anni al killer di «la Befana»

Bari, San Girolamo di sangue 10 anni al killer di «la Befana»

 
Il caso
Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

 
Occupazione
Ex Om Carelli, Selektika investe 20 mln: impiego per 128 lavoratori

Ex Om Carelli, Selektika investe 20 mln: impiego per 128 lavoratori

 
Regionali 2020
Primarie centrosinistra in Puglia: sfidanti di Emiliano divisi sulla data

Primarie centrosinistra in Puglia: sfidanti di Emiliano divisi sulla data

 
Occupazione
Mittal, i sindacati denunciano: «Fatture non saldate, in 50 senza stipendio»

Mittal, i sindacati : «Fatture non saldate, in 50 senza stipendio». Autotrasportatori sospendono servizi

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

Matera
Vigili del Fuoco, da oggi sono cittadini onorari di Matera

Vigili del Fuoco, da oggi sono cittadini onorari di Matera

 
LecceIl gasdotto
Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

 
BrindisiA san vito dei normanni
Brindisi, infastidisce clienti di supermercato e manda in ospedale un cc: arrestato

Brindisi, infastidisce clienti di supermercato e manda in ospedale un cc: arrestato

 
TarantoDurante la task force
Infrataras Taranto, in 145 a rischio licenziamento: domani sit in in Regione

Infrataras Taranto, in 145 a rischio licenziamento: domani sit in in Regione

 
BariI dati
Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

 
PotenzaLa città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 
BatFatture inesistenti
Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

 
FoggiaLotta alla droga
Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

 

i più letti

Il processo

Fse, c'era un accordo illecito per la manutenzione dei treni

Il Riesame conferma i domiciliari all'imprenditore Beltramelli: «Ma nessuna truffa per i tre treni Stadler mai usati da Fiorillo»

Fse, c'era un accordo illecito per la manutenzione dei treni

C’era un accordo illecito dietro la decisione che portò Luigi Fiorillo ad assegnare alla Filben di Carlo Beltramelli la manutenzione dei 27 treni polacchi acquistati da Ferrovie Sud-Est. Ne consegue, per i giudici del Riesame di Bari, che l’imprenditore bolognese meritasse gli arresti domiciliari scattati nel gennaio 2018 con l’accusa di concorso nella bancarotta di Fse insieme all’ex amministratore unico e ad altre 9 persone.

Ed è per questo che, la prossima settimana, l’indagine sul «crac» da 230 milioni a carico di Beltramelli tornerà davanti alla Cassazione, che già nell’ottobre 2018 aveva annullato con rinvio le misure cautelari. Con il processo già in corso (il Tribunale ha nel frattempo sostituito i domiciliari con l’interdizione), Beltramelli ha però di nuovo impugnato la decisione.

Stavolta i giudici di appello (presidente Romanazzi, relatore Montemurro) gli avevano dato parzialmente ragione, escludendo i gravi indizi di colpevolezza per la vicenda dei tre treni Stadler di seconda mano che l’imprenditore ha venduto a Sud-Est per 5,6 milioni. Treni mai utilizzati e oggi mandati alla rottamazione: secondo l’accusa (il pool guidato dal procuratore aggiunto Roberto Rossi) «non erano conformi» alle normative tecniche. Ma secondo il Riesame non è così: se è vero che ci sono elementi «di forte sospetto» sull’operazione, non è possibile affermare né l’«inidoneità» né l’antieconomicità dell’acquisto. I tre Stadler effettivamente non erano a norma, ma si trattava di questioni che potevano essere sistemate e che comunque dovevano essere contestate al momento dell’acquisto. In quanto al prezzo della vendita, avvenuta senza gara pubblica con un utile per Beltramelli pari a 1,69 milioni, «non è noto - scrivono i giudici - se risulti essere del tutto sproporzionato al loro effettivo valore di mercato».

Ben diverso il discorso relativo alla manutenzione degli Atr polacchi, quelli da cui sono cominciate tutte le indagini su Fse. Per confermare l’esistenza dell’accordo illecito, che quindi consente di ritenere Beltramelli corresponsabile del «crac» di Sud-Est, i giudici valorizzano infatti una mail del 30 aprile 2008 in cui l’allora responsabile tecnico di Fse, Nicola Alfonso, indica al fabbricante dei treni il nome della società che avrebbe dovuto occuparsi delle revisioni cicliche. Una circostanza che «stranisce», secondo il Riesame, e che si somma con «l’incongruità della tempistica degli accordi»: Fse stipulò un contratto per la manutenzione ordinaria (a 58,5 euro l’ora) con la società di Beltramelli il 2 gennaio 2009, cioè 10 giorni prima che Pesa incaricasse la stessa società di Beltramelli di occuparsi dei tagliandi (a 45 euro l’ora) legittimandone il ruolo di «officina autorizzata» in esclusiva per l’Italia. «Esisteva - è detto nel provvedimento - un accordo fra Fiorillo e Beltramelli in forza del quale il servizio di manutenzione» dovesse essere affidato all’imprenditore bolognese, circostanza che «comportò un sovraccosto per Fse» quantificato in 3,5 milioni sui 13,3 complessivamente spesi tra il 2009 e il 2015.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie