Mercoledì 17 Agosto 2022 | 18:56

In Puglia e Basilicata

Influenza suina in Inghilterra anche studenti apulo-lucani

Influenza suina in Inghilterra anche studenti apulo-lucani
di VALERIA CORDELLA ARCANGELI 
Una micro-epidemia della famigerata febbre suina sta seminando tensione in una comitiva di una cinquantina di studenti, molti dei quali pugliesi, andati in Inghilterra per una vacanza di studio. Pur se in assenza di notizia certe e soprattutto ufficiali, al momento risulta che almeno cinque ragazzi delle province di Brindisi e di Lecce siano tuttora bloccati nella cittadina di York dopo essere risultati positivi al tampone dell’AH1N1
• 17enne lucana torna a Vietri ora dovrà fare gli esami medici 

15 Luglio 2009

BRINDISI - Una micro-epidemia della famigerata febbre suina sta seminando tensione in una comitiva di una cinquantina di studenti, molti dei quali pugliesi, andati in Inghilterra per una vacanza di studio. Pur se in assenza di notizia certe e soprattutto ufficiali, al momento risulta che almeno cinque ragazzi delle province di Brindisi e di Lecce siano tuttora bloccati nella cittadina di York dopo essere risultati positivi al tampone dell’AH1N1. Un’altra trentina sono invece già rientrati a casa. Degli altri sa sa poco. 

«Ho visto i miei compagni di viaggio ammalarsi uno dietro l’altro. Ad alcuni la febbre è salita fino a sfiorare i 40 gradi. Hanno avuto diverse ricadute. Non riuscivano a ristabilirsi. Così lontani da casa per la prima volta... Ho avuto paura». Lucia, 16 anni, oritana, racconta al suo rientro la disavventura, e ricorda alla «Gazzetta» quei momenti di angoscia in cui con le compagne, nella cameretta con i letti a castello, commentavano quanto accadeva attorno a loro, nel college di York che le ospitava. 

«Uno dietro l’altro, napoletani e romani... con una febbre da cavallo. Tra l’altro avevamo i servizi igienici in comune nei corridoi e la mensa dove ci ritrovavamo tutti - insiste la ragazza - il contagio era inevitabile. Siamo state fortunate, l’abbiamo scampata...». «Il sospetto che potesse trattarsi dell’influenza suina ci tormentava - prosegue - ma non osavamo parlarne con i nostri insegnanti». 

Il gruppo di pugliesi era partito per York nel Regno Unito, il 30 giugno scorso. Una cinquantina circa di ragazzi tra cui certamente tre di Oria, quattro di Ostuni e almeno dodici della provincia di Lecce. Poi c’erano studenti da altre province pugliesi e lucane e dal resto d’Italia. La vacanza studio era stata organizzata dall’Inpdap a favore dei figli dei dipendenti. 

Un gruppo di studenti è rientrato solo ieri in aereo, con il volo Londra-Bari, dopo un viaggio iniziato nella notte. I ragazzi risultati contagiati sono invece rimasti in Inghilterra. «In un primo momento abbiamo pensato tutti che la causa fosse la forte notevole escursione termica tra l’esterno, in quei giorni il caldo era davvero infernale e l’interno del college, nel quale funzionava l’aria condizionata - dice ancora Lucia - poi i sintomi sono diventati sempre più sopetti, e infine la prima diagnosi: era la febbre suina».
VALERIA CORDELLA ARCANGELI
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725