Martedì 16 Agosto 2022 | 11:26

In Puglia e Basilicata

Cerano, anche fischi al concerto «Arbore, qui si muore di tumore!»

Cerano, anche fischi al concerto «Arbore, qui si muore di tumore!»
BRINDISI - «Arbore, qui si muore di tumore!» È stato uno degli slogan diretti all'artista e agli spettatori all'uscita dalla centrale Enel "Federico II". Un presidio rimasto sul posto fino a mezzanotte che ha atteso l'uscita di quanti hanno assistito allo spettacolo di cui erano protagonisti Enzo Arbore ed Arisa. Ma la protesta non ha tolto nulla al successo dell'evento musicale che s'è svolto nella centrale davanti a oltre 5000 persone. L'esibizione costituiva la tappa brindisina di «Correnti Musicali», il tour di concerti a ingresso libero che porta l'energia della grande musica nelle centrali Enel

13 Luglio 2009

«Arbore, qui si muore di tumore!» È stato uno degli slogan diretti all’artista e agli spettatori all’uscita dalla Centrale. Un presidio rimasto sul posto fino a mezzanotte ha atteso l’uscita di quanti hanno assistito allo spettacolo di cui erano protagonisti Enzo Arbore ed Arisa, ai quali i dimostranti hanno espresso con fischi e slogan il loro disappunto. 

La manifestazione per la quale erano state date indicazioni precise (inizio 19 termine 21 in vista dell’iniziativa canora), e che erano contenute in una contestata ordinanza del questore Vincenzo Carella, si è protratta, invece, molto al di là dell’orario stabilito. A parte qualche momento di attrito, smorzato subito dal buon senso e in fondo dall’intento pacifico che aveva animato la manifestazione, oltre duecento i manifestanti (tra cui delegazioni in rappresentanza delle associazioni che da anni, sul territorio brindisino, sono impegnate in una lotta senza sosta a tutela della salute e contro l’inqui - namento) hanno preso parte al sit-in organizzato dall’Associazione Anti-Cerano, sul belvedere vicino alla centrale di Cerano. A protestare c’erano anche delegazioni delle province limitrofe. I giovani dimostranti hanno portato di tutto: casseruole, fischietti e striscioni con slogan ironici. Un’iniziativa «rumorosa» e perciò efficace dal punto di vista med iatico. 

«Le migliaia di cittadini venuti ad assistere allo spettacolo organizzato dall’Enel sono stati invitati con fischi, volantini e urla a ritornare indietro dicendo «NO» al carbone e all’inquinamento». È quanto sostiene la redazione brindisina di Pugliantagonista

IL CONCERTO - Ma la protesta non ha tolto nulla al successo dell’evento musicale, con Renzo Arbore, accompagnato dall’Orchestra Italiana, e Arisa, applauditi all’interno della Centrale Enel "Federico II" da oltre 5000 persone. L’esibizione costituiva la tappa brindisina di «Correnti Musicali», il tour di concerti a ingresso libero che porta l’energia della grande musica nelle centrali Enel. Tanti giovani, tra gente di tutte le età, hanno applaudito gli artisti e il loro popolarissimo repertorio di musica italiana. 

Quattro ore di energia musicale che hanno regalato e fatto vivere tante emozioni, raggiungendo quindi quell’obiettivo che l’Enel si prefigge di portare la grande musica nelle centrali elettriche. «Correnti Musicali» - affermano gli organizzatori - «conferma l’impegno di Enel nella valorizzazione della musica di ogni genere e dei giovani artisti». 

Dal 2003 Enel è socio fondatore dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e del Teatro alla Scala con cui ha portato in giro per l’Italia, per 4 anni, un tour di 15 concerti l’anno di musica classica, riscuotendo grande successo di pubblico e di critica. Dal 2005 è main partner dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Da sempre, inoltre, sostiene le più importanti iniziative musicali italiane (Bologna Festival, Concerto di Natale per la Pace, concerto di raccolta fondi a favore del FAI) oltre a organizzare eventi musicali - dal pop alla musica d’autore, dal jazz alla musica classica - nelle piazze, nei teatri e nelle centrali elettriche, in Italia e all’estero.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725