Domenica 14 Agosto 2022 | 11:53

In Puglia e Basilicata

E la Basilicata salva i portaborse

E la Basilicata salva i portaborse
di MASSIMO BRANCATI 
Anni di favoritismi, di clientele e di raccomandazioni. Contratti a tempo determinato, collaboratori e «portaborse» infilati senza concorso (ma per chiamata diretta dei politici) negli uffici della regione Basilicata. Per questa platea di precari (circa 300) sta per scattare una sorta di sanatoria. È all'esame un disegno di legge che prevede la conversione automatica in rapporto di lavoro a tempo indeterminato per il personale impegnato da almeno tre anni alla Regione con contratti di lavoro coordinato e continuativo o a tempo determinato

10 Luglio 2009

POTENZA - Anni di favoritismi, di clientele e di raccomandazioni. Contratti a tempo determinato, collaboratori e «portaborse» infilati senza concorso negli uffici della regione Basilicata. Per tutta questa platea di precari (circa 300) sta per scattare una sorta di sanatoria. È all’esame della prima commissione consiliare il disegno di legge dal titolo che è tutto un programma: «Misure volte a favorire qualità ed efficienza dei sistemi professionali nella Regione Basilicata». In pieno ciclone Brunetta, con la sua onda moralizzatrice che travolge l’amministrazione pubblica, il governo lucano si appresta a varare una legge che ha già scatenato un polverone di polemiche. 

Il «ddl», in sostanza, si muove su due piani: riserva il 70% dei posti previsti nell’assunzione di personale non dirigenziale a tempo determinato a soggetti che hanno svolto, presso la Regione, lavoro con contratti di collaborazione per almeno un anno. Già l’aver riservato questa quota (che, peraltro, una recente disposizione del ministro Brunetta farebbe scendere al 40%) ha fatto storcere il naso soprattutto ai tanti disoccupati lucani che ambiscono ad entrare nell’«eden dei colletti bianchi» di via Anzio. Ma il vero punto focale della polemica è l’articolo 4 bis del disegno di legge in cui si prevede la conversione automatica in rapporto di lavoro a tempo indeterminato per il personale impegnato da almeno tre anni alla Regione con contratti di lavoro coordinato e continuativo o a tempo determinato. Rientrano in questo raggio d’azione anche i cosiddetti «portaborse». 

L’assunzione automatica avverrebbe solo per chi ha già partecipato a un concorso in data antecedente il 29 settembre 2006. Chi, invece, non ha sostenuto in passato una prova concorsuale (la maggioranza) - si legge ancora nel «ddl» - dovrà sottoporsi a non meglio precisate prove selettive. I detrattori la definiscono la classica «pezza a colori» per tentare di anticipare le polemiche. Che sono inevitabilmente esplose attorno a un interrogativo di fondo: perché si deve privilegiare chi in passato è stato già favorito dalla chiamata diretta di un politico?
MASSIMO BRANCATI
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725