Mercoledì 22 Maggio 2019 | 22:53

NEWS DALLA SEZIONE

La morte del 66enne
Manduria, interrogati due minori dei video del pestaggio a sangue

Manduria, interrogati due minori dei video del pestaggio a sangue

 
Regione Puglia
Caso Di Gioia, mozione di sfiducia contro l'assessore pro Lega

Caso Di Gioia, mozione di sfiducia contro l'assessore pro Lega

 
Ricerca
Tumori, a S. Giovanni Rotondo isolate le «cellule camaleonte» nel sangue: base per diagnosi e cura

Cura tumori, a San Giovanni Rotondo isolate «cellule camaleonte» nel sangue

 
La guardia costiera
Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: il pesce dato in beneficenza

Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: pesce in beneficenza

 
Il giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
È in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
nel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
Giustizia svenduta
Magistrati arrestati, Savasta sapeva dell'arresto: «Decisi di non scappare»

Trani, Savasta sapeva dell'arresto: «Decisi di non scappare»

 
Regione
Sanità in Puglia, buco da 140mln per le protesi nelle Asl

Sanità in Puglia, buco da 140mln per le protesi

 
Nel foggiano
Volturara Appula, a 49 anni si taglia con motosega: trovato morto

Volturara Appula, a 49 anni si taglia con motosega: trovato morto

 
La storia
Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoTaranto
Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

 
BariL'enfant prodige
Mola, baby genio a 8 anni vince i nazionali dei Giochi Matematici

Mola, baby genio a 9 anni vince i nazionali dei Giochi Matematici

 
BatDopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 

i più letti

Il monitoraggio

Liste d'attesa: in Puglia ritardi in una visita su tre

Il ministero boccia la legge regionale: «Non potete fare assunzioni»

Liste d'attesa: in Puglia ritardi in una visita su tre

Liste d’attesa ancora troppo lunghe, con differenze ancora troppo marcate tra prestazioni in regime istituzionale e a pagamento. È quanto emerge dall’ultimo rilevamento della Regione, relativo alla settimana 1-5 aprile. Dati che arrivano proprio mentre il ministero dell’Economia ha preannunciato l’impugnativa della legge regionale sulle liste d’attesa, il «pastrocchio» approvato dal Consiglio per bloccare l’iniziativa di Fabiano Amati (Pd) che mirava a bloccare l’attività intra-moenia in caso di marcati disallineamenti. Un rimedio che la Regione è stata comunque costretta a prevedere nell’ambito del Piano di governo delle liste d’attesa imposto dal ministero.


Andiamo con ordine. Dal monitoraggio emerge che le strutture pubbliche fanno ancora molta fatica a garantire i tempi previsti per le prestazioni con priorità «breve»: a fronte di circa 4.040 richieste nella settimana indice, quelle effettuate nei 10 giorni sono state appena 2.821, cioè poco meno del 70%. Va male per le mammografie, per gli Ecg, va leggermente meglio per quasi tutte le visite specialistiche.
Situazione non molto dissimile per le prestazioni con priorità «differibile», che il sistema sanitario dovrebbe erogare entro 30 giorni per le visite ed entro 60 per gli accertamenti diagnostici. In questo caso su circa 6.500 richieste ne sono state garantite 4.800: vuol dire che il 27% delle prenotazioni è andato oltre l’attesa di un mese per le visite e due mesi per gli esami. Inaccettabile, soprattutto perché le stesse prestazioni - a pagamento - si ottengono nelle stesse strutture con una attesa di pochi giorni.


«Un dato non incoraggiante - conferma Fabiano Amati -, aspettiamo ora che sia pubblicato a breve il raffronto tra attività istituzionale e attività libero-professionale: per ora si può ben dire che l’attesa continua. È chiaro che scorporando il dato regionale nelle singole prestazioni delle singole strutture ospedaliere si può affermare la presenza di parecchi casi in cui si mantengono i tempi massimi, ma in generale c’è una prevalenza di situazioni in cui lo scostamento dei tempi è molto sensibile».


Nel frattempo, come detto, il ministero dell’Economia ha trasmesso a Palazzo Chigi (e, per conoscenza, agli Affari regionali), il referto sull’esame della legge regionale pugliese 36 approvata il 1° aprile. La norma anti liste d’attesa che, secondo i tecnici ministeriali, merita di essere impugnata davanti alla Consulta: le misure ipotizzate dal parlamentino pugliese (a colpi di emendamenti) per ridurre i tempi di prenotazione andrebbero infatti in contrasto con le competenze statali. In particolare, il Consiglio aveva tentato (articolo 9) di autorizzare la revisione delle dotazioni organiche degli ospedali «tenendo anche conto della necessità di procedere all’abbatimento delle liste d’attesa». Peccato che non si possa fare, essendo le assunzioni vincolate al rispetto dei tetti di spesa fissati a livello nazionale. Stesso discorso per il fondo destinato all’acquisto delle prestazioni extra per l’abbattimento delle liste d’attesa, che - in base alla norma pugliese - potrebbe essere alimentato da una quota dei ricavi della libera professione: non si può fare - dice il Mef - perché la legge nazionale impone che per mettere le mani nei fondi contrattuali è necessaria una previa contrattazione integrativa aziendale.


Insomma, il solito pasticcio. E per evitare l’impugnativa, che al momento appare inevitabile (il termine scade il 1° giugno), la Regione dovrà impegnarsi con il ministero a modificare la norma. Una norma che, come detto, è nata morta perché il Piano per la riduzione delle liste d’attesa approvato in aprile ha recepito tutte le misure imposte dal ministero della Salute, misure che partono proprio dallo stop all’intra-moenia: se le attese per le prestazioni in regime istituzionale sono eccessive, i direttori generali delle Asl dovranno bloccare le prestazioni per le prenotazioni in intra-moenia. L’idea è che in questo modo i medici si concentreranno sull’attività «pubblica» e non sugli ambulatori privati ospedalieri, aumentando la produttività. Una ipotesi che i medici hanno fermamente avversato a quando se ne è discusso a livello regionale, avendo dalla propria parte il presidente Michele Emiliano. Una ipotesi che invece sono stati costretti a ingoiare per volere del ministro Giulia Grillo: e in Puglia, non appena verranno pubblicati i dati di monitoraggio, le sospensioni dell’intra-moenia saranno centinaia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400