Giovedì 25 Aprile 2019 | 13:43

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le Europee
Bari, l'imprenditore «made in Cina»: dal Sud ponte verso Ue e Oriente

Bari, l'imprenditore «made in Cina»: dal Sud ponte verso Ue e Oriente

 
Islam e politica
«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

 
La polemica
Arpal, Cassano: basta processi preventivi ora denuncio. Dit: invito a nozze

Arpal, Cassano: basta processi preventivi ora denuncio. Dit: invito a nozze

 
Il caso
San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

 
La decisione
Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

 
Dai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
L'intervista
Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

 
Omicidio in Salento
Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite

Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite FOTO

 
Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIslam e politica
«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
BrindisiDai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
GdM.TVSan Paolo
Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

La mobilitazione

Xylella, da domani presidio permanente degli agricoltori a Lecce

Saranno centinaia i trattori ed i mezzi agricoli che stazioneranno in piazza Mazzini fino a quando non arriveranno risposte certe per le aziende salentine

xylella

LECCE -  «Partirà domattina all’alba a Lecce il presidio permanente degli agricoltori salentini. Saranno centinaia i trattori ed i mezzi agricoli che stazioneranno in piazza Mazzini fino a quando non arriveranno risposte certe per le aziende salentine messe in ginocchio dalla Xylella». Lo annunciano in una nota Mimino Primiceri e Benedetto Accogli, responsabili della mobilitazione, sottolineando che «dopo le proteste delle scorse settimane continuiamo senza bandiere delle associazioni e senza simboli, nemmeno quelli dei 'Gilet arancionì che è il movimento della terra con cui abbiamo manifestato a Bari e a Roma per ottenere un decreto legge e tempi certi».

«Sono quattro milioni le piante di ulivo definitivamente morte a causa del batterio - evidenziano - e altre 17 milioni rischiano di fare la stessa fine, mentre sono migliaia le aziende agricole in ginocchio». «Qualcuno - rilevano - nonostante i problemi, ha tentato in maniera meschina prima di spaccare il fronte agricolo tra associazioni, poi di provare a dividere tra Nord e Sud della Puglia, pur di mantenere la propria posizione privilegiata e la propria poltrona: per questo togliamo qualsiasi simbolo che possa fornire alibi utili a rimandare decisioni e provvedimenti».

«Tutti - continuano gli agricoltori - hanno fatto errori sul batterio, da chi non l’ha capito a chi non l’ha affrontato, da chi ha seguito i complottisti a chi ha esultato per i provvedimenti di Tar e magistratura. Adesso però è il momento dell’unità per raggiungere l’obiettivo comune del riscatto del Salento».
«Abbiamo deciso di continuare e di far sentire la nostra voce in maniera forte - sottolineano - e non smobiliteremo il presidio fino a quando non ci ascolteranno e fino a quando il Governo, l’Unione Europea e la Regione Puglia non interverranno con atti concreti (sburocratizzazione per gli espianti, fondi per reimpianti, ristoro per mancato reddito)». «Per consentire - concludono - alle aziende olivicole, ai frantoi e ai vivai del Salento di poter riprendere a lavorare e di poter continuare a vivere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400