Lunedì 27 Gennaio 2020 | 07:26

NEWS DALLA SEZIONE

Il voto
Regionali Calabria

Regionali, in Calabria vince l'azzurra Santelli con oltre 20 punti di distacco su Callipo. I dati

 
Lo scrutinio
Emilia Romagna, confronto tra Borgonzoni Bonaccini

Regionali, in Emilia Romagna Bonaccini accarezza la vittoria nella notte. Lega e Pd oltre il 30%. «Scomparso il M5S»
Guarda i dati ufficiali

 
27 gennaio
Shoah in Puglia. Loizzo: «Ricordare è un valore»

Shoah in Puglia. Loizzo: «Ricordare è un valore»

 
La tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
Aggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
Trasporti
Via libera al tunnel dell’Irpinia per unire Bari con Napoli

Via libera al tunnel dell’Irpinia per unire Bari con Napoli

 
Ambiente
Meno rifiuti sulle spiagge della Puglia: soprattutto bottiglie di plastica e reti per mitili

Meno rifiuti sulle spiagge della Puglia: soprattutto bottiglie di plastica e reti per mitili

 
La storia
L'amore di Liliana Segre per un marito conservatore: parla il figlio Alberto

L'amore di Liliana Segre per un marito conservatore: parla il figlio Alberto

 
Centrosinistra
Puglia, lite sui soldi delle primarie: casse vuote. Amati: così si annulla tutto

Puglia, lite sui soldi delle primarie: casse vuote. Amati: così si annulla tutto

 
Attentato
San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 23 mezzi azienda raccolta.

San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 25 mezzi azienda raccolta

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatESERCITO
Barletta, tutti di corsa per la "Toro Ten"1.300 partecipano alla gara con le stellette

Barletta, tutti di corsa per la «Toro Ten»
1.300 partecipano alla gara con le stellette

 
HomeLa tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
HomeAggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

Serie B

Il Lecce balla in difesa serve svolta immediata

Ma le due sconfitte in trasferta non sono un sintomo di crisi

lecce calcio

LECCE - Due sconfitte consecutive lontano dal «Via del Mare» potrebbero far suonare un campanello d’allarme. Ma il Lecce non soffre di mal di trasferta e, se proprio si vuole trovare una pecca, la si può individuare nella permeabilità difensiva. Nove gol subiti nelle ultime quattro partite sono un po’ troppi per una squadra che ha la possibilità di ambire al grande salto.
Nonostante i ko di Cittadella e di Palermo, però, il rendimento esterno resta di prim’ordine. Il Lecce è secondo nella classifica dei punti conquistati fuori casa: 19, frutto di cinque vittorie, quattro pareggi e cinque sconfitte nelle 14 gare fin qui disputate.
Meglio ha fatto solo il Palermo, con 21 punti guadagnati (ma in 12 uscite). La capolista Brescia è terza con 17 punti in 13 partite.

Analizzando gli ultimi cinque turni, i giallorossi hanno inanellato, nell’ordine, un pareggio (1-1 alla Spezia), una vittoria (1-2 a Salerno), un altro pareggio (1-1 a Venezia) e poi sono arrivate le due ultime sconfitte, a Cittadella (4-1) e a Palermo (2-1).
Due frenate molto diverse tra loro, perché se al «Tombolato» il Lecce ha offerto la peggiore prestazione stagionale, sembrando irriconoscibile, sabato scorso al «Barbera» ha giocato alla pari contro un avversario del calibro dei rosanero. Solo il portiere Brignoli e un pizzico di sfortuna hanno negato, in più occasioni, prima il pareggio e poi, sullo 0-2, la rete che avrebbe riaperto i giochi, arrivata solo con l’eurogol di Tabanelli a tempo praticamente scaduto. Ma la prova è stata da elogiare e, dopo la vittoria interna di tre giorni prima con il Verona, ha ribadito che la squadra di Liverani può competere con tutti.
Resta la nota dolente dei troppi gol. I quattro incassati a Cittadella possono essere collegati alla giornata storta che non ha risparmiato nessuno. In altre occasioni, invece, è lecito muovere appunti a una fase difensiva (Liverani raramente attribuisce responsabilità a singoli) non impeccabile. È accaduto contro il Livorno, con palloni persi in fase di possesso costati il doppio vantaggio toscano, poi ribaltato dalla doppietta di La Mantia e dal sigillo di Arrigoni. Il gol della bandiera del Verona nel successo per 2-1 è stato un infortunio del portiere Vigorito.
Colpe da distribuire equamente tra i giallorossi sono tornate a Palermo, dove la scarsa aggressività nella chiusura sugli avversari ha portato ai centri decisivi di Trajkovski e Puscas.
Così, tra le prime otto della classifica, il Lecce è la squadra più perforata, con 35 gol incassati. Il Perugia ne ha subiti 34, la capolista Brescia 33, il Pescara 31, il Verona 29, il Benevento 26; Palermo e Cittadella vantano le difese meno battute, con 23 reti.
Il dato è ampiamente compensato dalla vocazione offensiva che, tirando le somme, permette al Lecce di occupare il sesto posto nella classifica generale con 41 punti, sei in meno della leader Brescia e cinque in meno del Palermo, secondo. Un attacco mitraglia capace di andare a segno ben 41 volte. Preceduto solo da quello della capolista: trascinati dal capocannoniere Donnarumma, le rondinelle lombarde segnano a valanga: 53 gol. Terzo il Pescara con 38, seguito dal Palermo con 37, da Benevento e Perugia con 36, dal Verona con 35 e dal Cittadella con 28.

VERSO IL DERBY Sabato pomeriggio alle 15 il Foggia sarà ospite del Via del Mare in una partita che offre numerosi motivi di attrazione. Ieri è rientrato nei ranghi Majer, reduce da allenamenti differenziati. Lavoro a parte solo per Scavone e Palombi.
Il colpo d’occhio sugli spalti si preannuncia all’altezza di un derby. Peccato solo per il divieto che impedirà ai sostenitori rossoneri di seguire la squadra nel Salento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie