Giovedì 18 Agosto 2022 | 21:43

In Puglia e Basilicata

Autovelox sui cantieri diminuiscono incidenti

Autovelox sui cantieri diminuiscono incidenti
di GIANPAOLO BALSAMO 
Una iniziativa della Polstrada barese. Cantieri stradali ed autostradali, insomma, «sorvegliati speciali». Ed i risultati non tardano ad arrivare. Dall’inizio di giugno, infatti, gli autovelox in funzione sui tratti autostradali pugliesi (in prossimità dei cantieri) hanno scattato circa 2.500 fotogrammi. Poco meno di 1.500, invece, sono state le infrazioni. Le velocità massime raggiunte dagli autoveicoli in transito si sono abbassate, da 90 a 70 km/h

28 Giugno 2009

di GIANPAOLO BALSAMO 

BARI. Autovelox mobili e più pattuglie impegnate: la Polstrada punta sulla prevenzione per fronteggiare le stragi nei cantieri stradali. La silenziosa guerra delle morti sul lavoro, infatti, si combatte non solo nei cantieri, ma anche sulle strade ed autostrade. Non ne parla nessuno, ma metà delle morti sul lavoro coinvolge operai impegnati nei cantieri stradali ed autostradali. Vittime spesso innocenti, immolate sull’asfalto sul quale stavano lavorando a causa di automobilisti o camionisti troppo impegnati a pigiare il piede sull’acceleratore che a rispettare i segnali stradali di pericolo o quelli che annunciano il restringimento di carreggiata. Il compartimento Polizia Stradale di Bari già da tempo ha avviato una campagna massiccia di prevenzione sui 313 chilometri che costituiscono la rete autostradale pugliese (A14 e A16) per evitare altre tragedie analoghe a quella che si è consumata, solo qualche giorno fa, sull'A5, all’altezza di Arnad in Valle D'Aosta quando un Tir bulgaro investì ed uccise un operaio addetto al taglio delle erbacce ai margini della carreggiata. «Tolleranza zero» è il diktat lanciato dal dirigente del Compartimento Polizia stradale per la Puglia, Giuseppe Salomone che spiega alla Gazzetta l’attività repressiva avviata già da tempo dai suoi uomini del Centro operativo autostradale, (ai comandi del dirigente Giacomo Mazzotta) per incrementare la sicurezza stradale. 

La Polizia stradale punta dunque alla prevenzione. «Il Compartimento Puglia di concerto con la Società autostrade ha intrapreso un’attività di prevenzione riferita ai comportamenti da tenere durante l’attraversamento dei cantieri di lavoro». 

Qual è la causa principale di queste tragedie? «La prima causa di incidente resta, purtroppo, la velocità: in prossimità di interruzioni per la presenza di cantieri autostradali, si dovrebbe, rispettando la segnaletica, procedere ad 80 Km/h salva diversa segnalazione. Per questo motivo, quindi, è stata avviata una campagna di sorveglianza e repressione delle violazioni sui cantieri di lavoro a maggior impatto, predisponendo il presidio dell’a re a con pattuglie dedicate e l’installazione di apparecchiature per la rilevazione della velocità (Atx)». 

Anche la segnaletica stradale è stata incrementata? «Sì, per dare opportuna emaggiore visibilità all’attività, si è provveduto ad integrare la segnaletica di cantiere con cartelli dedicati di preavviso, posizionando box mobili (con apparecchiature di rilevazione) in maniera molto visibile. È evidente che, in tali condizioni, quanti violano i limiti di velocità, dimostrano di ignorare completamente la lettura e l’interpretazione delle segnaletiche ponendo in essere comportamenti potenzialmente pericolosi». 

Cantieri stradali ed autostradali, insomma, «sorvegliati speciali». Ed i risultati non tardano ad arrivare. Dall’inizio di giugno, infatti, gli autovelox in funzione sui tratti autostradali pugliesi (in prossimità dei cantieri) hanno scattato circa 2.500 fotogrammi. Poco meno di 1.500, invece, sono state le infrazioni. Le velocità massime raggiunte dagli autoveicoli in transito si sono comunque abbassate, da 90 km/h rilevata nel corso del primo servizio a 70 km/h dell'ultimo a riprova della bontà e dell’incidenza dell'attività repressiva dei «centauri» della Stradale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725