Giovedì 21 Febbraio 2019 | 02:18

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
Dopo gli arresti
Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

 
Regione
Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

 
Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 
A taranto
Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

 
Nel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di minorenne e la perseguita, in manette 65enne

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Il caso

Sentenze tributarie truccate, interdetto l'ex presidente del tribunale di Trani

Lo ha deciso il gip di Foggia, accogliendo una richiesta della Procura che accusa l’ex magistrato ordinario Bortone di truffa e falso in relazione a numerose sentenze tributarie

Sentenze tributarie truccate, interdetto il presidente del tribunale di Trani

BARI - Il giudice Filippo Bortone, ex presidente del Tribunale di Trani oggi in pensione, è stato interdetto per un anno dalla presidenza della Commissione tributaria provinciale di Bari. Lo ha deciso il gip di Foggia, accogliendo una richiesta della Procura che accusa l’ex magistrato ordinario di truffa e falso in relazione a numerose sentenze tributarie. L’indagine condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Finanza di Bari con i colleghi della Pg presso la Procura di Foggia è una costola di quella che portò a 13 arresti nel novembre 2017, sempre per sentenze tributarie che sarebbero state truccate.

L'inchiesta era partita quasi due anni fa da Foggia dopo l'arresto di dieci persone accusate di truccare le sentenze tributari. Le indagini si spostarono poi su Bari dove nel mirino degli inquirenti finì Bortone. All'epoca furono posti sotto sequestro dopo il blitz dei militari lo studio, le abitazioni, i documenti e il computer del giudice. L'accusa di falso si riferisce alle sentenze da lui firmate sui ricorsi in tema di tasse che materialmente sarebbero state redatte da un suo collaboratore mentre quella di truffa riguarda i soldi ottenuti illecitamente come compenso per le sentenze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400