Giovedì 21 Febbraio 2019 | 08:45

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
Dopo gli arresti
Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

 
Regione
Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

 
Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 
A taranto
Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

 
Nel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di minorenne e la perseguita, in manette 65enne

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Il riconoscimento

Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

Alessandro Massaro, 44 anni, ha vinto come miglior ingegnere dell'anno

Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

Le ricerche sul monitoraggio della dispersione dell’acqua nella rete dell’Acquedotto Pugliese insieme alla sperimentazione di un macchinario innovativo in grado di distruggere il vettore della Xylella, sono due dei progetti che son valsi il titolo di miglior ingegnere italiano ad Alessandro Massaro, 44enne di Bari, direttore scientifico del Centro di ricerca Dyrecta Lab di Conversano. È, dunque, pugliese il «Top young engineer» dell’anno, premiato a Palazzo Strozzi di Firenze dal Cni (Consiglio nazionale degli Ingegneri) e da Federmanager giovani. Laureato in ingegneria elettronica alll’Università delle Marche, il ricercatore barese è uno degli esempi di cervelli che hanno scelto di restare al Sud, dove dopo il dottorato in Ingegneria delle Telecomunicazioni, ha curato per il Cnr, il Miur, l’Istituto Italiano di tecnologia e diverse università, ricerche in nanotecnologie e nanotecnologie biomolecolari. Ora Massaro guida il Dyrecta ed è stato scelto dal Cni come «figura altamente qualificata» tra i 300 professionisti, di tutte le branche dell’ingegneria, selezionati dal Consiglio nazionale degli ingegneri.


Con questo riconoscimento, il Cni evidenzia di aver premiato il suo approccio di ricerca industriale all’innovazione e la sua capacità di ridurre il gap tra mondo accademico e mondo industriale. «L’attività svolta nei Dyrecta Lab di Conversano - dichiara l’ingegnere - è quella di fare da anello di congiunzione tra ricerca e produzione, forma di sviluppo industriale riconosciuta anche dall’Ordine degli ingegneri. I risultati sono tangibili in quanto sviluppiamo all’interno di grandi aziende sistemi di meccatronica, di industria 4.0 e sistemi di rilevamento di diagnostica, con attività sperimentali che con metodologia scientifica forniscono un valore aggiunto alle aziende che si affacciano sempre più alla digitalizzazione».


Il premio è dunque un riconoscimento alla ricerca nel Sud. «Vero è un riconoscimento a noi ricercatori e ai tanti imprenditori ed enti che decidono di propria iniziativa di attuare operazioni di questo tipo, investendo in ricerca». E’ il caso di Aqp (Acquedotto Pugliese) per il quale i laboratori di Conversano seguono l’attività di monitoraggio della dispersione di acqua nella rete idrica pugliese: «Per AqP abbiamo ideato, progettato e sviluppato un sistema georadar e radiotermico che punta a ridurre le perdite idriche su territorio urbano. Si tratta di soluzioni di tipo non invasivo, sperimentate nella città di Capurso nel barese, dove le perdite vengono rilevate senza dover rompere il manto stradale ed a supporto delle attuali tecnologie di ispezione utilizzate da Aqp».
Quali risultati potrà invece garantire il sistema che punta ad eliminare il vettore della Xylella?
«Risultati sicuramente importanti. Si tratta di un sistema di trattamento che distrugge le uova del vettore. E’ uno dei progetti realizzati insieme all’Università di Bari che ha dato risultati ottimi già nella prima fase della sperimentazione, soprattutto per quel che riguarda la distruzione delle uova della Xylella: il 99 per cento nelle prime prove sperimentali, che proseguono ora nelle zone cuscinetto individuate dall’Osservatorio fitosanitario regionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400