Domenica 14 Agosto 2022 | 12:13

In Puglia e Basilicata

Talsano, anche la musica nel cimitero modello

TALSANO - Quiete e serenità, sobrietà e luminosità, pulizia, decoro, ordine architettonico e urbanistico e soprattutto moderna funzionalità. A determinare questo clima anche la particolare attenzione per il verde - dagli angoli di prato all’inglese agli alberi di ulivo, simbolo di pugliesità - ed addirittura il sottofondo della musica classica. Vista ed udito, insieme. 

21 Giugno 2009

TALSANO - Quiete e serenità, sobrietà e luminosità, pulizia, decoro, ordine architettonico e urbanistico e soprattutto moderna funzionalità. A determinare questo clima anche la particolare attenzione per il verde - dagli angoli di prato all’inglese agli alberi di ulivo, simbolo di pugliesità - ed addirittura il sottofondo della musica classica. Vista ed udito, insieme. 

Sono i criteri a cui ci si è ispirati nella realizzazione del cimitero di Talsano, in particolare nella zona nuova. Ed è ovviamente quello che colpisce maggiormente facendo ingresso in questa struttura. E’ in questa cornice che ieri è stata inaugurata la seconda cappella sociale di 1200 posti realizzata dalla società Erregiesse srl di Angelo Bozzetto con un project-financing dell’Amministrazione comunale. 

Dieci milioni di euro l’investimento dell’imprenditore tarantino per una struttura che, a costo zero per il Comune, resterà in concessione venticinquennale prima di essere trasferita al Comune. Nella stessa struttura, intanto, il Comune si è assicurato un quarto dei posti disponibili da destinare ai senza reddito.

La cappella appena consegnata fa parte di un progetto più complessivo. Si tratta, infatti, di una seconda cappella sociale affiancata alla prima, dove erano stati realizzati altri 1200 posti (disponibili ancora 200 posti). Realizzati anche gli spazi destinati ai servizi, dagli uffici comunali alle strutture per la vendita dei fiori, sala mortuaria, sala per le commemorazioni civili. Il complesso cimiteriale crescerà ancora. 

Gli ampliamenti prevedono la realizzazione di una terza cappella sempre di 1200 posti (c’è già il progetto esecutivo), di un forno crematorio e di impianti con pannelli solari (entrambi in fase di progettazione) per una spesa prevista di altri 5 milioni di euro. Nello stesso cimitero, inoltre, sono in fase di realizzazione anche 12 cappelle sociali destinate a società di mutuo soccorso e confraternite e che dovrebbero essere consegnate a settembre. 

«Un completamento ed ampliamento atteso considerato che al S. Brunone ormai non ci sono più posti», dice il vicesindaco Alfredo Cervellera che si dice particolarmente colpito dall’ordine e la cura rilevata nella struttura. Se, infatti, amministratori ed imprenditori da una parte mettono in evidenza i criteri di particolare funzionalità seguiti nella progettazione dell’opera e che non avrebbe uguali in Italia (dalle particolari cerniere che consentono la rimozione dei marmi sui loculi ai servizi che consentono una facile sistemazione dei fiori), dall’altra non si può non rimarcare anche l’uniformità dello stile architettonico che accomuna cappelle sociali, cappelle gentilizie, edicole, servizi. Insomma, un cimitero moderno e funzionale, un luogo in cui ricordare con serenità e sobrietà i propri cari, già apprezzato anche in altre realtà italiane. 

[Maria Rosaria Gigante]

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725