Mercoledì 10 Agosto 2022 | 06:44

In Puglia e Basilicata

L'afa in Puglia uccide un 67enne a Brindisi

L'afa in Puglia uccide un 67enne a Brindisi
di ANTONIO NEGRO
È stramazzato al suolo per strada, in piena isola pedonale, subito dopo essere uscito di casa, nella prima vera giornata di caldo tropicale. Cosimo Scarciglia, 67 anni originario di Torre Santa Susanna e residente a Brindisi, appena è uscito di casa s'è accasciato al suolo, ieri mattina, poco dopo le 10. L'uomo è stato subito soccorso da alcuni passanti e nel giro di pochi minuti sono giunte sul posto due pattuglie delle Volanti, i Vigili urbani ed Carabinieri. Gli è stato anche praticato il massaggio cardiaco  ma ogni sforzo si è rivelato inutile
• Gli anziani si attrezzano con l'aria condizionata

17 Giugno 2009

BRINDISI - È stramazzato al suolo per strada, in piena isola pedonale, subito dopo essere uscito di casa, nella prima vera giornata di caldo tropicale. Cosimo Scarciglia, 67 anni originario di Torre Santa Susanna e residente a Brindisi, è stato visto improvvisamente accasciarsi al suolo, ieri mattina, poco dopo le 10, mentre camminava lungo corso Umberto con la sua cartella da lavoro di tela nera. L’uomo è stato subito soccorso da alcuni passanti e nel giro di pochi minuti sono giunte sul posto due pattuglie delle Volanti, i Vigili urbani ed Carabinieri. Al 67enne è stato praticato anche il massaggio cardiaco mentre veniva richiesto l’intervento di un’ambulanza. 

Ogni sforzo, però, si è rivelato inutile e quando la figlia della vittima affacciandosi da casa ha notato la gente assieparsi in quel punto del corso, si è resa subito conto che doveva essere avvenuta una disgrazia. Si è precipitata in strada e, avvicinandosi al punto in cui quell’uomo era stato già coperto da un telo bianco, ha notato per terra la borsa di tela del padre, scoprendo la tragedia. Una scena straziante, cosumatasi sotto gli occhi di tantissima gente attonita e degli stessi agenti di Polizia, che con molto tatto hanno dovuto procedere agli accertamenti di rito acquisendo le generalità della vittima mentre la figlia, affranta, non riusciva a staccarsi dal gen itore. 

La vittima, anche se diabetica e non più giovanissima, era perfettamente autonoma e nessuno dei familiari sospettava che il suo cuore potesse cedere così repentinamente. Certamente l’afa e l’umidità che hanno caratterizzato la giornata di ieri - la prima che ha registrato temperature tropicali - potrebbero aver costituito una concausa del decesso. 
di ANTONIO NEGRO
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725