Mercoledì 17 Agosto 2022 | 07:07

In Puglia e Basilicata

Due ragazze muoiono a Ostuni e a Taranto

Due ragazze muoiono a Ostuni e a Taranto
di GIANNICOLA D'AMICO e MARISTELLA MASSARI
Un morto ed un ferito grave lungo la SS16, tra Montalbano ed Ostuni, in un incidente stradale avvenuto alle prime luci dell'alba di ieri. A perdere la vita è stata una ragazza di Ostuni. In gravi condizioni, invece, il suo fidanzato. La Polstrada: il conducente aveva tasso alcolemico nel sangue oltre la soglia consentita. Nel Tarantino (sulla statale 172 nei pressi di Statte) è morta una 24enne che era a bordo di un'auto che ha sbandato ribaltandosi e finendo su una complanare. La donna è stata sbalzata dall'abitacolo a una ventina di metri dal punto in cui si è schiantata la vettura

15 Giugno 2009

Altri due incidenti mortali sono avvenuti in Puglia: e in uno sembrerebbe entrare in gioco proprio il nefasto effetto dell’alcol. 

BRINDISI - Un morto ed un ferito grave: è questo il bilancio di un tragico incidente stradale avvenuto alle prime luci dell’alba di ieri. A perdere la vita è stata una ragazza di Ostuni. In gravi condizioni, invece, il suo fidanzato. L'incidente è avvenuto lungo la statale 16 nel tratto compreso tra Montalbano ed Ostuni. Erano all’incirca le 6 di ieri mattina quando la Renault Clio con a bordo i due giovani - Luciano Maglionico di 25 anni di Montalbano e Giusi Addolorata Semeraro di 23 anni ostunese - viaggiava in direzione di Ostuni. I due giovani probabilmente rientravano a casa dopo una serata trascorsa in qualche locale della zona. Alle porte di Ostuni, precisamente al km 878 + 800, nella prima di una lunga serie di curve, lo schianto. L’auto esce di strada andando a finire nella scarpata sottostante. 

I primi automobilisti - al quale si presenta una scena davvero raccapricciante - danno subito l’allarme chiedendo l’inter - vento dei soccorsi. Sul posto giungono immediatamente i Vigili del Fuoco di Ostuni che estraggono dalla lamiere contorte dell’utilitaria i due giovani, che vengono immediatamente trasportati dalle ambulanze del 118 presso l’ospedale della città bianca, dove giungono in condizioni dis perate. La ragazza vista la gravità della situazione viene immediatamente sottoposta ad un delicato intervento chirurgico. La corsa contro il tempo dei medici, però, non riesce a salvargli la vita, tant'è che il suo cuore cessa di battere intorno alle 8 di ieri mattina. 

Il ragazzo, invece, dopo le prime cure presso il pronto soccorso di Ostuni viene trasferito a Brindisi presso l’ospedale Perrino dove versa in gravi condizioni. Indagini sono in corso da parte della Polizia stradale di Fasano, al comando del sostituto commissario Giuseppe Potenza, per stabilire la esatta dinamica del sinistro. Gli agenti della Polstrada hanno anche acquisito agli atti l’esito degli accertamenti condotti sul conducente che, a quanto pare, avrebbero riscontrato un tasso alcolemico nel sangue oltre la soglia consentita. 

TARANTO - Romina era una bellissima ragazza bruna, amava la vita ed era piena di amici. La sua esistenza, carica di attese e di promesse del futuro, si è fermata allo svincolo per Montemesola , ieri mattina, poco dopo mezzogiorno. Romina Zottoli, 24 anni, argentina, ma residente a Statte, era alla guida di una Opel Corsa e viaggiava da sola sulla statale 172 in direzione Taranto. Giunta all’altezza dello svincolo, forse a causa di un attimo di distrazione e della velocità sostenuta, ha perso il controllo della vettura. L’auto si è ribaltata e la giovane è stata sbalzata fuori dall’abita - colo. Nonostante i tempestivi soccorsi, i medici del 118 hanno solo potuto constatare la morte della giovane. Sul posto per i rilievi hanno operato i carabinieri della stazione di Crispiano e della compagnia di Massafra. Ieri pomeriggio, quando la notizia è circolata in paese, è stata accolta con grande sgomento da tutti i concittadini della sfortunata 24enne. Romina Zottoli è la settima vittima falcidiata dall’asfalto in poco meno di tre mesi in provincia di Taranto. A perdere la vita sono stati soprattutto giovanissimi. Ai primi giorni di giugno, solo qualche settimana fa, alle porte di Laterza, lungo la strada statale 7 che collega la cittadina a Castellaneta, aveva perso la vita Giovanni Decarne, di soli 20 anni. Era assieme a suo fratello a bordo di una Aprilia 125 quando ha perso il controllo del mezzo e si è schiantato contro un cartello stradale. Decarne è morto poco dopo il ricovero. Il 25 aprile scorso, stessa sorte era toccata ad un ragazzo di 22 anni che era caduto dalla sua moto nella zona di Lido Silvana sulla litoranea salentina.
di GIANNICOLA D'AMICO e MARISTELLA MASSARI
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725