Domenica 14 Agosto 2022 | 11:04

In Puglia e Basilicata

Nuovi ciak di Sergio  Rubini in Puglia

Nuovi ciak di Sergio  Rubini in Puglia
Il film, «L’Uomo Nero», prodotto dalla Bianca Film di Donatella Botti in collaborazione con Rai Cinema e Apulia Film Commission, vanta un cast di attori di tutto rispetto: tra gli altri, Sergio Rubini, Valeria Golino, Riccardo Scamarcio, Anna Falchi, Margherita Buy, Fabrizio Gifuni, Maurizio Micheli e Mariolina Defano. Sarà interamente girato in Puglia da giugno ad agosto

06 Giugno 2009

BARI – Domani primo ciak a Gravina in Puglia (Bari) per «L’Uomo Nero», il nuovo film scritto e diretto da Sergio Rubini. Il film, una commedia sentimentale ambientata negli anni 60, sarà interamente girato in Puglia da giugno ad agosto. Si parte dunque da Gravina per continuare a Bari e poi, per un mese e mezzo, nel brindisino tra San Vito dei Normanni, Mesagne e Oria. 
Il film, prodotto dalla Bianca Film di Donatella Botti in collaborazione con Rai Cinema e Apulia Film Commission, vanta un cast di attori di tutto rispetto: tra gli altri, Sergio Rubini, Valeria Golino, Riccardo Scamarcio, Anna Falchi, Margherita Buy, Fabrizio Gifuni, Maurizio Micheli e Mariolina Defano. La sceneggiatura è firmata da Carla Cavalluzzi e Starnone, la fotografia da Fabio Cianchetti, le scenografie sono di Luca Gobbi, i costumi di Maurizio Millenotti.

TRAMA
Gabriele Rossetti, quarantacinquenne realizzato, torna in Puglia per l’estremo saluto al padre morente. Le ultime parole dell’anziano uomo risvegliano in lui ricordi lontani. 

Siamo negli anni ’60. Gabriele ora è un bambino vivace. Il papà, Ernesto, è il capostazione del paese, la mamma, Franca, insegna lettere nella scuola media. 

La vita del piccolo Gabriele scorrerebbe alla perfezione, se non fosse per gli sbalzi d’umore del padre: Ernesto infatti soffre vedendo la propria passione per la pittura, una vera e propria vocazione, costantemente frustrata dalla supponenza di alcuni compaesani.

Sarà un anno importante per Gabriele quello narrato in questa storia, trascorso tra i giochi con gli amichetti d’infanzia e le incomprensioni con il padre, mitigate dalla dolcezza severa della mamma. Un anno che segnerà il bimbo e getterà le basi per la sua maturazione.

Di nuovo i giorni nostri. Gabriele adulto deve occuparsi della sepoltura del vecchio genitore. Passa la notte nella casa della sua infanzia e lì fa una scoperta che modificherà profondamente la prospettiva secondo cui ha sempre guardato suo padre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725