Mercoledì 28 Settembre 2022 | 11:26

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Baby rapinatori puntano pistola a bimba di 5 anni

Baby rapinatori puntano pistola a bimba di 5 anni
BARI - A 14 anni ha fatto da palo durante una rapina in un supermercato durante la quale altri due giovanissimi hanno tenuto sotto mira con una pistola un uomo che teneva per mano una bambina di cinque anni per costringere la mamma, titolare del negozio, a consegnare il denaro in cassa. Il ragazzino è stato quindi arrestato dalla polizia a Bari: è accusato di rapina aggravata e sequestro di persona in concorso. Nelle ultime 48 ore sono state due le rapine, protagonisti sempre minorenni

03 Giugno 2009

BARI - A Bari sono sempre più i ragazzini che finiscono nelle mani della criminalità. Nelle ultime 24 ore - in due distinte occasioni e per motivi diversi - sono ben quattro i minorenni finiti nei guai e sono accusati sono molto gravi. Hanno 14, 15, 16 e 17 anni. Questi ultimi due sono stati arrestati da agenti della squadra volanti a Bari per detenzione e spaccio di stupefacenti e per detenzione di un coltello. Entrambi sono stati sorpresi mentre spacciavano in piazza Umberto, nei presi dei bagni pubblici del giardino che si trova nel pieno centro della città. All’arrivo della polizia hanno tentato di disfarsi di un involucro che è stato recuperato dagli agenti: conteneva due dosi di cocaina e sei di eroina. Avevano addosso anche 640 euro, che sono stati sequestrati. 

Il 14enne invece ha fatto da palo durante una  rapina in un supermercato durante la quale altri due giovanissimi hanno tenuto sotto mira con una pistola un uomo con in braccio una bambina  di cinque anni per costringere la mamma, titolare del negozio, a  consegnare il denaro in cassa. Il ragazzino è stato quindi  arrestato dalla polizia a Bari: è accusato di rapina aggravata  e sequestro di persona in concorso. 
La rapina era stata compiuta la sera del 18 aprile scorso e  l'arresto è avvenuto due giorni fa, ma se ne è avuta notizia  solo oggi. Poche ore dopo che il ragazzo era stato portato nel  carcere minorile Fornelli, un suo cugino, di solo un anno più  grande lui, si è consegnato alla polizia. Il quindicenne ha a  sua volta confessato di avere partecipato alla rapina – che era  stata compiuta nel quartiere periferico San Paolo – e ha ammesso  di avere partecipato anche ad altre due azioni criminali il 30  maggio. 
In quella data, nel giro di poche ore, vennero compiute  due rapine in città: la prima in una stazione di servizio in  via Napoli, la seconda in un altro supermercato in via Cilea. Il  quindicenne non è stato arrestato ma solo denunciato. Pare che,  agli investigatori che lo hanno interrogato, il ragazzo non  abbia chiarito del tutto il proprio ruolo nella prima rapina. Il  terzo complice è ricercato. La rapina al supermercato del 18 aprile fruttò un bottino di  1.300 euro e fu realizzata all’ora di chiusura con modalità  piuttosto violente. 

Mentre il quattordicenne restava poco  distante a fare da palo, gli altri due avevano bloccato la  titolare dell’esercizio che stava uscendo insieme con il marito  e la figlia di cinque anni. Uno dei due l’aveva spinta con  violenza all’interno del locale facendola finire per terra.  Mentre uno teneva sotto mira con la pistola l'uomo che stringeva la bimba, l’altro  costringeva la madre ad aprire la cassa e a consegnare il  denaro. Il quattordicenne era stato l’unico ad agire a viso scoperto  e per questo è stato riconosciuto e arrestato. Malgrado la  giovane età era già noto alle forze di polizia. A suo carico,  infatti, ci sono già denunce per ricettazione, lesioni e rapine  e anche un daspo, il divieto per i tifosi violenti di  partecipare a manifestazioni sportive che viene emesso dai  questori.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725